Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Sulle mani del monumento spunta un cono arancione da cantiere

Per un monumento che nasce - "Life Electric" sulla diga foranea - un altro muta sembianze (temporaneamente). Trattatasi delle celebri mani aperte all'imbocco del viale che conduce alla Stazione San Giovanni. L'opera - intitolata proprio "Le mani"...

Sulle mani del monumento spunta un cono arancione da cantiere

Per un monumento che nasce - "Life Electric" sulla diga foranea - un altro muta sembianze (temporaneamente). Trattatasi delle celebri mani aperte all'imbocco del viale che conduce alla Stazione San Giovanni. L'opera - intitolata proprio "Le mani" e realizzata dallo scultore Massimo Clerici e dall'architetto Doriam Battaglia in ricordo dei caduti per servizio istituzionale - oggi si offriva alla vista dei passanti in maniera del tutto inusuale. Ovvero, con un cono di quelli bianchi e arancioni da cantiere collocato sull'indice della mano protesa verso il cielo. Quasi che fosse comparso un ditale da sarta. Beffa di un vandalo occasionale o altro? Impossibile rispondere, obiettivamente, almeno basandoci soltanto sull'immagine che ci arriva da un lettore. Di sicuro, al di là del risolino di simpatia che può strappare l'istantanea a un primo momento, c'è da sperare che (visto anche il profondo significato della scultura) la "guasconata" sparisca piuttosto rapidamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sulle mani del monumento spunta un cono arancione da cantiere

QuiComo è in caricamento