Cronaca

Stop al punto unico di cottura in via Isonzo, costa mezzo milione in più. Lucini: "Mancano i fondi"

L'indiscrezione pubblicata ieri in anteprima con questo articolo si è rivelata esatta: il progetto del Comune di Como di realizzare un centro unico di cottura dei pasti scolastici nella scuola di via Isonzo, con contestuale trasferimento degli...

mensa-generica

L'indiscrezione pubblicata ieri in anteprima con questo articolo si è rivelata esatta: il progetto del Comune di Como di realizzare un centro unico di cottura dei pasti scolastici nella scuola di via Isonzo, con contestuale trasferimento degli alunni da settembre 2016, slitta a data da destinarsi. L'operazione sicuramente non si farà il prossimo anno e dunque il servizio di trasporto dei pasti da Prestino non prenderà il via a gennaio 2017. Il che significa che la scuola primaria di via Isonzo anche l'anno prossimo continuerà le attività normalmente, così come la secondaria di primo grado in via Picchi che comunque potrebbe vedere realizzati i lavori di ristrutturazione nell'estate 2016 (salvo ulteriori imprevisti, naturalmente).

lucini-mensa-30nov15Le conferme sono arrivate direttamente dal sindaco Mario Lucini nella conferenza stampa di fine anno, assenti gli assessori direttamente interessati ossia Silvia Magni (vicesindaco e delega alle Politiche scolastiche) e Daniela Gerosa (Opera pubbliche).

"Il progetto definitivo (per la trasformazione della scuola di via Isonzo, attrezzature escluse ndr) è pressoché completato - ha esordito il sindaco - ma le cifre per realizzarlo si sono rivelate più alte del previsto. Rispetto ai 700mila euro da investire sulla scuola è emerso che servirebbe un milione e 200mila euro circa. Questo impone di rimettere la testa sul progetto, capire se siamo in grado di reperire queste risorse e renderle disponibili, se la cifra complessiva può essere limata ancora". Tutte indagini, però, che ovviamente richiederanno tempo e calma, a differenza del percorso a tappe forzate impresso all'operazione da ottobre al flop di oggi. "La copertura economica totale a oggi non c'è, dunque il centro unico di cottura non si farà per l'anno prossimo - ha aggiunto il sindaco - Rimane l'esigenza di valutare una riorganizzazione delle scuole di via Isonzo e di via Picchi, oggi sottoutilizzate. Però entrambe le strutture l'anno prossimo riprenderanno le attività come quest'anno". scuola-isonzo-26nov15Lucini ha poi sottolineato che "l'aumento di 500mila euro delle somme necessarie sinceramente ha sorpreso anche me ed è emerso dall'incarico esterno affidato ai progettisti (quello da 43mila euro circa ndr). La previsione originaria di 700mila euro? Quella era una stima fatta dal nostro ufficio tecnico". Una stima evidentemente sballata di molto, se - come ha ammesso pubblicamente lo stesso sindaco - dalla consulenza esterna è emerso "un costo maggiore per la realizzazione delle strutture a livello impiantistico e strutturale, oltre alla necessità di costruire una nuova cabina di media tensione che vale circa un quinto della spesa in più".

consiglio-mensa-30nov15Per il futuro, il primo cittadino ha ribadito che "l'idea e la volontà di arrivare a un centro unico di cottura, che già erano chiaramente prefigurate dal bilancio preventivo 2015 (anche sei i fondi previsti per il 2016 sono stati spostati al 2015 in fretta e furia con l'assestamento di bilancio del 30 novembre scorso, ndr) rimangono gli stessi. Ora però avremo il tempo se dovessero emergere altre soluzioni rispetto a quelle ipotizzate finora, pur continuando sulla linea generale già indicata". Insomma, la volontà dell'amministrazione di arrivare a un centro unico di cottura resta, ma ora potrebbe (almeno in ipotesi) cambiare localizzazione in una struttura comunale (strada difficile) o magari puntare verso una struttura nuova (in astratto, non escludibile il ricorso a un capannone).

magni-picchi-1Altro tasto dolente, però, resta quello del personale delle mense attuali. Oltre alle 77 cuoche, infatti, finora il servizio di ristorazione scolastica si è avvalso delle ormai celebri 44 figure a tempo determinato di cui 41 non sarebbero state rinnovate con il punto unico anche per dichiarati vincoli di legge. "Intanto fino alla fine di questo anno scolastico resteranno tutti in servizio - ha risposto Lucini - Ma la situazione rimane border line, dunque per il prossimo anno vedremo se sarà possibile un'ulteriore proroga della situazione visto anche il notevole grado di definizione del progetto futuro a cui siamo arrivati o se dovremo ricorrere a un parziale appalto esterno".

Dove ha letteralmente fatto "muro", il sindaco, è stato sulle responsabilità politiche e tecniche di questo pasticcio: "Il percorso seguito in giunta è stato collegiale e condiviso, non c'è nessuna fuga dalle responsabilità. Tanto è vero che nessuno di noi si è mai sottratto al confronto anche aspro con le famiglie. I tecnici? Devo ancora capire meglio come sia emersa questa grande differenza di costi per mezzo milione, i tempi così stretti ancora non mi hanno permesso di approfondire con calma l'aspetto specifico".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop al punto unico di cottura in via Isonzo, costa mezzo milione in più. Lucini: "Mancano i fondi"

QuiComo è in caricamento