Stazione San Giovanni invasa dai disperati. Scontro istituzionale Comune-Prefettura

Questa notte, come una settimana fa, come da mesi a questa parte, l'atrio della Stazione San Giovanni, principale scalo ferroviario del capoluogo, si è trasformato nel solito, enorme dormitorio di fortuna per clochard, senzatetto, disperati...

dav-46

Questa notte, come una settimana fa, come da mesi a questa parte, l'atrio della Stazione San Giovanni, principale scalo ferroviario del capoluogo, si è trasformato nel solito, enorme dormitorio di fortuna per clochard, senzatetto, disperati per varie cause, profughi non intercettati dalle strutture di accoglienza e carità. Una situazione nota e pubblica da tempo immemore, a cui nessuna istituzione pubblica o privata è finora riuscita a dare risposte né soluzioni e che non sembra granché alleviata neppure dall'apertura del dormitorio invernale pubblico. E se è impossibile, per certi versi, non comprendere l'esigenza di questo disperato popolo della notte che a ogni calar del sole riduce la stazione in una infinita distesa di cartoni, coperte di fortuna, vestiti gettati qua è là, è altresì evidente che la situazione appare ormai fuori da ogni controllo legale, sanitario, di sicurezza (sia per i senzatetto, sia per i viaggiatori che di sera si trovano immersi in una situazione ben più che estrema).

Per la terza volta nel volgere di poche settimane, il consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Marco Butti, denuncia la situazione polemizzando apertamente con la Prefettura di Como.

"Nonostante questa settimana sia stato aperto il dormitorio nei pressi del centro Cardinal Ferrari, continua imperterrita l’emergenza in stazione, favorita dall’incredibile atteggiamento del Prefetto che autorizza la presenza di un centro d’accoglienza notturno in stazione - afferma - In queste sere le presenze degli extracomunitari ha continuato a superare le 50 unità: le condizioni igienico-sanitarie sono pessime, l’odore che si sente nell’atrio insopportabile. Lo ribadiamo, è ora di finirla, è ora di porre fine ad un atteggiamento miope che oltraggia la città e le persone che, di notte, si rifugiano in stazione. Mentre a Milano la scorsa estate tutti si indignavano per la situazione della stazione Centrale ed in questi giorni sono stati posizionati i cancelli per impedire l’accesso ai senza tetto e disperati nel corso delle ore notturne, a Como, la Prefettura consente una situazione del genere. Semplicemente vergognoso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Parla Sarah la (ex) fidanzata comasca di Genovese: "Non faccio più uso di droghe"

Torna su
QuiComo è in caricamento