Cronaca

Cordoglio del sindaco di Como per i poliziotti uccisi a Trieste

Ecco come è avvenuta la tragedia

La fiaccolata per ricordare i due ageni uccisi

Ecco il messaggio di cordoglio da parte del sindaco di Como Mario Landriscina, dell’amministrazione e di tutta la cittadinanza per l’uccisione dei due agenti di Polizia a Trieste. “La città di Como, sinceramente commossa, partecipa all’enorme dolore dei famigliari e dei colleghi della Polizia di Stato dell’agente scelto Pierluigi Rotta e dell’agente Matteo Demenego, affidando questo messaggio di cordoglio e affettuosa vicinanza al Questore della provincia di Como, dott. Giuseppe De Angelis, quale massima espressione del corpo della Polizia di Stato sul nostro territorio e cogliendo l’occasione per ringraziare ogni donna e ogni uomo delle forze di Polizia che, indipendentemente dal ruolo ricoperto, ogni giorno svolgono il proprio servizio con passione e senso del dovere a favore della cittadinanza e della giustizia”.

pierluigi rotta matteo demenego poliziotti uccisi trieste today-2

Il fatto:
Come riporta Today.it, Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, poco più che trentenni, sono stati uccisi a colpi di pistola da Alejandro Stephan Meran, ventinovenne dominicano, affetto da problemi psichici. Qualche ora prima, una donna aveva denunciato di essere stata scaraventata a terra da un ragazzo che le aveva rubato il motorino. Nel pomeriggio era arriva una chiamata alla sala operativa nella quale un uomo, Carlysle Stephan Meran, riferisce di avere appreso dal fratello Alejandro che quest'ultimo era l'autore della rapina e dice che accompagnerà i poliziotti a casa sua per recuperare il mezzo. L'uomo precisa che il fratello "soffre di disturbi psichici, pur non essendo seguito dai servizi di igiene mentale".

Con una nota ufficiale, è proprio la questura a spiegare come all’interno dell’Ufficio prevenzione generale, "dopo aver chiesto di andare in bagno, nell’uscire l'uomo riusciva a prendere la pistola d’ordinanza in dotazione all’agente Pierluigi Rotta esplodendo due colpi al lato sinistro del petto e all’addome". Sentiti gli spari, l’agente scelto Matteo Demenego "usciva per verificare cosa stesse accadendo, venendo a sua volta attinto sotto la clavicola sinistra, al fianco sinistro e alla schiena".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cordoglio del sindaco di Como per i poliziotti uccisi a Trieste

QuiComo è in caricamento