rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca Rovellasca

Boutique di false griffe in casa: vendeva i capi via social per migliaia di euro ma aveva il reddito

A Rovellasca

In casa sua a Rovellasca (Como) aveva allestito una boutique di false griffe e pubblicizzava i suoi capi utilizzando i social network, vere e proprie vetrine digitali dove poter scegliere il prodotto, la taglia e ricevere informazioni per i pagamenti e ottenere, direttamente, la spedizione del capo d’abbigliamento contraffatto a domicilio. Anche se questa attività le fruttava parecchi soldi, nel corso dell’ultimo periodo erano stati incassati, dalla vendita dei prodotti contraffatti, oltre 14 mila euro, la donna aveva chiesto e ottenuto il reddito di cittadinanza anche perché non aveva dichiarato nulla dei suoi guadagni all'INPS.

Le fiamme gialle di Olgiate Comasco, che hanno condotto le indagini, hanno denunciato la donna, residente a Rovellasca, per contraffazione, ricettazione e per aver ricevuto indebitamente il reddito di cittadinanza. Non è stato difficile identificare chi gestiva la pagina online e nella sua abitazione-boutique sono stati sequestrati oltre 500 capi d’abbigliamento/accessori contraffatti, pronti per essere venduti, oltre a tutta la documentazione che certificava l’attività illecita svolta nel tempo.

Il punto vendita "casalingo" esisteva da diversi mesi nonostante la donna ricevesse il reddito di cittadinanza. I proventi illeciti ricavati da questa attività saranno sottoposti a regolare tassazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boutique di false griffe in casa: vendeva i capi via social per migliaia di euro ma aveva il reddito

QuiComo è in caricamento