rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Cronaca

A rischio i treni dalla Svizzera a Como

Una proposta di ordinanza del Consiglio federale della Svizzera rischia di mettere la parola fine ai treni utilizzati dai frontalieri (e non solo) comaschi. Per intenderci, sono a rischio i TiLo (foto Wikipedia) molto frequentati nel tratto che...

Una proposta di ordinanza del Consiglio federale della Svizzera rischia di mettere la parola fine ai treni utilizzati dai frontalieri (e non solo) comaschi. Per intenderci, sono a rischio i TiLo (foto Wikipedia) molto frequentati nel tratto che serve Lugano, Mendrisio, Chiasso e Como (stazione San Giovanni e Albate-Camerlata). La proposta prevede la soppressione di tutte le linee che non riescono a coprire almeno il 50% dei costi. In Ticino, quindi, rischiano di saltare praticamente tutte le linee regionali: FLP Lugano-Ponte Tresa; Locarno - Camedo - Domodossola ticinese; S10 (Airolo-Bellinzona-Lugano-Chiasso-Albate), S20 (Castione-Arbedo-Bellinzona), S30 (Bellinzona-Pino-T-Luino). In Svizzera diverse foze politiche, tra le quali i Verdi e i Socialisti, sono in allarme e denunciano la gravità delle conseguenze e delle ripercussioni sull'utenza. Ad oggi, però, non c'è la conferma ufficiale del Consiglio federale e la speranza è che la notizia della proposta di ordinanza venga definitivamente smentita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A rischio i treni dalla Svizzera a Como

QuiComo è in caricamento