Cronaca

A rischio i treni dalla Svizzera a Como

Una proposta di ordinanza del Consiglio federale della Svizzera rischia di mettere la parola fine ai treni utilizzati dai frontalieri (e non solo) comaschi. Per intenderci, sono a rischio i TiLo (foto Wikipedia) molto frequentati nel tratto che...

treno-tilo

Una proposta di ordinanza del Consiglio federale della Svizzera rischia di mettere la parola fine ai treni utilizzati dai frontalieri (e non solo) comaschi. Per intenderci, sono a rischio i TiLo (foto Wikipedia) molto frequentati nel tratto che serve Lugano, Mendrisio, Chiasso e Como (stazione San Giovanni e Albate-Camerlata). La proposta prevede la soppressione di tutte le linee che non riescono a coprire almeno il 50% dei costi. In Ticino, quindi, rischiano di saltare praticamente tutte le linee regionali: FLP Lugano-Ponte Tresa; Locarno - Camedo - Domodossola ticinese; S10 (Airolo-Bellinzona-Lugano-Chiasso-Albate), S20 (Castione-Arbedo-Bellinzona), S30 (Bellinzona-Pino-T-Luino). In Svizzera diverse foze politiche, tra le quali i Verdi e i Socialisti, sono in allarme e denunciano la gravità delle conseguenze e delle ripercussioni sull'utenza. Ad oggi, però, non c'è la conferma ufficiale del Consiglio federale e la speranza è che la notizia della proposta di ordinanza venga definitivamente smentita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A rischio i treni dalla Svizzera a Como

QuiComo è in caricamento