Ridha Mahmoudi, l'assassino di don Roberto

Lo ha aggredito alle spalle

Un vero e proprio agguato quello compiuto da Ridha Mahmoudi, l'assassino di don Roberto. Il 53enne tunisino ha teso una trappola al prete, affermando di avere mal di denti e quando don Roberto si è presentato al mattino presto in piazza San Rocco, Mahmoudi lo ha assalito alle spalle e con ferocia lo ha accoltellato. La sua confessione, folle e lucid allo stesso tempo, ha rivelato agli inquirenti dettagli sconcertanti. Il tunisno, che era già noto alle forze dell'ordine per diversi precedenti penali che lo delineavano come soggetto pericoloso, non doveva trovarsi in Italia visti i due provvedimenti di espulsione datati al 2018 e all'aprile del 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Valduce, la ragazza sul tetto dell'auto che cerca la mamma

Torna su
QuiComo è in caricamento