menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auto di lusso immatricolate in Svizzera da residenti comaschi. Scopo: non pagare iva, bollo e multe

La guardia di finanza: "È la nuova frontiera del contrabbando"

I militari della Guardia di Finanza di Oria, che vigilano sul valico con la Svizzera e lungo le zone di confine, da gennaio 2020 a oggi hanno sequestrato uno scooter e 7 auto di varie marche e cilindrate, immatricolati in Svizzera e guidati da persone residenti stabilmente in Italia. Il valore totale di questo “parco macchine” si aggira intono ai 166mila euro.

Tra i mezzi sequestrati spiccano una Jeep Cherokee, un’Audi A3 e un’auto di lusso di particolare pregio, il cui proprietario è risultato essere residente da tempo in un comune dell’alto lago.

guardia finanza territorio oria (2)-2

È la nuova frontiera del contrabbando, fanno sapere i finanzieri, un fenomeno diffuso: cittadini italiani che comprano auto anche di lusso in paesi extra-UE per risparmiare sul bollo auto, sull’assicurazione RCA, su altre imposte o per rendere più difficili, o addirittura del tutto vane, le procedure per il recupero di sanzioni per le eventuali violazioni del Codice della Strada.

I sette trasgressori sono stati segnalati all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Como e ora dovranno versare una multa che va da due a dieci volte i diritti doganali non pagati (Dazi Doganali pari al 10% ed Imposta sul valore aggiunto pari al 22%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Nuovo Decreto Draghi, prevale la linea dura fino al 31 luglio: le regole

Coronavirus

Arriva il passaporto vaccinale europeo, ecco come funziona

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento