Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Rapinese assolto dall'accusa di diffamazione a Saccenti

Alessandro Rapinese è stato assolto in primo grado dall'accusa di diffamazione a Tullio Saccenti (ex capo di gabinetto del Comune di Como nell'amministrazione dell'ex sindaco Stefano Bruni). Al termine dell'udienza di questa mattina al tribunale...

rapinese-tribunale

Alessandro Rapinese è stato assolto in primo grado dall'accusa di diffamazione a Tullio Saccenti (ex capo di gabinetto del Comune di Como nell'amministrazione dell'ex sindaco Stefano Bruni). Al termine dell'udienza di questa mattina al tribunale di Como, il giudice Alessandra Mariconti ha letto la sentenza: il fatto non costituisce reato. Si chiude così il primo grado di giudizio che ha visto il consigliere comunale di Adesso Como querelato per diffamazione ai danni di Saccenti, della moglie Elisabetta Di Matteo e del suocero Elia Di Matteo. Rapinese in un articolo pubblicato sul suo blog aveva espresso considerazioni e domande relative a Saccenti e ai Di Matteo giudicate diffamatorie. Nel caso di padre e figlia Di Matteo le querele (con richiesta di danni di circa 1 milione di euro) erano decadute a seguito di una sorta di vizio di forma nella presentazione del ricorso. Oggi si è concluso anche il capitolo relativo alla querela di Saccenti. Difeso dall'avvocato Fulvio Anzaldo, Rapinese ha convinto il giudice della legittimità dei pensieri espressi sia sul suo blog e sia nel corso di una seduta consiliare in cui Rapinese aveva raccontato al consiglio comunale che la sua pagina internet era stata bloccata su ordine del Gip. La difesa di Saccenti aveva chiesto un risarcimento a titolo provvisionale di 100mila euro. Il pm Mariano Fadda aveva invece richiesto la condanna al pagamento di una multa di 1.500 euro.

A margine dell'udienza di questa mattina il consigliere Rapinese ha dichiarato: "Se fossi stato condannato mi sarei certamente dimesso. Non avrei mai accettato di continuare il mio mandato di consigliere dopo essere stato condannato come diffamatore. Non avrei più avuto più alcuna credibilità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinese assolto dall'accusa di diffamazione a Saccenti

QuiComo è in caricamento