rotate-mobile
Cronaca Fino Mornasco

Rapinata in stazione da 3 nordafricani va dai carabinieri, ma la storia è inventata. Denunciata 23enne

Il racconto era pieno di particolari

La giovane 23enne, al lavoro per una società che fornisce pasti su alcuni traghetti del Lago di Como, lo scorso 24 maggio è andata alla stazione dei carabinieri di Cermenate per denunciare di essere stata vittima di una rapina. Ha raccontato la storia con dovizia di particolari. Alle 7.30 stava comprando il biglietto del treno alla cassa automatica della stazione di Fino Mornasco, quando un giovane nordafricano si sarebbe avvicinato a lei stappandole la borsa che conteneva 6.500 euro, l'incasso della giornata della società per cui lavorava. La giovane, sempre stando alla sua versione, avrebbe inseguito il ladro all'esterno. Qui lo aspettavano altri due complici, anche loro descritti come nordafricani. La 23enne a quel punto sarebbe stata spinta a terra, ferendosi mentre i tre fuggivano in macchina. I militari cermenatesi, non convinti della versione della ragazza, hanno indagato a fondo e controllato minuziosamente le telecamere di videosorveglianza,  venendo a scoprire che nell'ora e nel giorno indicato la giovane non era neanche in stazione. Messa alle stette la 23enne ha ammesso le sue responsabilità: era una storia inventata. È stata denunciata in stato di libertà per simulazione di reato.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinata in stazione da 3 nordafricani va dai carabinieri, ma la storia è inventata. Denunciata 23enne