Cresce la raccolta differenziata: un premio eco-solidale a Cantù

Cantù vince il premio nazionale “Humana Eco-Solidarity award”. Il 27 settembre, infatti, la città ritirerà il premio in occasione dell’evento Umana people to people del 2012. Ciò significa che Cantù sarà premiata fra 700 Comuni d’Italia per la...

Cantù vince il premio nazionale “Humana Eco-Solidarity award”. Il 27 settembre, infatti, la città ritirerà il premio in occasione dell’evento Umana people to people del 2012. Ciò significa che Cantù sarà premiata fra 700 Comuni d’Italia per la generosità dimostrata nel 2011 nell’aver donato indumenti all’associazione. L’evento si terrà a Pregnana Milanese, dove Humana ha recentemente trasferito la sede operativa di Milano. Cantù vince il premio per la categoria comuni eco-solidali. Si è classificata terza per la quantità assoluta nazionale di abiti donati (184.369 kg di indumenti raccolti), prima per la quantità assoluta provinciale e sempre prima per i Kg raccolti procapite in Provincia come città con più di 10 mila abitanti. L’evento si terrà in contemporanea con altri 20 Paesi Europei e si concluderà con la premiazione dei Comuni, delle aziende e dei consorzi virtuosi che collaborano con Humana per la raccolta degli abiti usati: “Cantù riesce a vincere questi premi grazie alla generosità dei cittadini e al mirabile lavoro degli uffici”, dichiara Paolo Cattaneo. L’assessore all'Ambiente di Cantù, infatti, precisa che già due anni fa la città ha vinto questo premio.

Durante la conferenza stampa di oggi, sono state date anche altre informazioni utili ai cittadini: dal primo ottobre, infatti, si torna al vecchio orario invernale: i rifiuti potranno essere esposti non prima delle ore 19.30 e non oltre le 6.00 del mattino successivo. Chiunque non rispetterà questi orari, verrà sanzionato con una multa che può variare dai 25 euro ai 150 euro, come previsto dall’articolo 16 del vigente regolamento di gestione del servizio rifiuti. Oltre ai canali ufficiali, i nuovi orari saranno distribuiti anche nelle scuole.

La città, dunque, risponde bene alla differenziata, partita circa 10 anni fa. Le uniche zone che ancora hanno qualche problema sono, secondo Cattaneo e l’ufficio ambiente, le frazioni di Mirabello, parte di Vighizzolo e Cascina Amata. I dati forniti dall’ufficio ambiente, comunque, parlano di un trend positivo: nel periodo compreso fra gennaio e agosto 2011 sono stati raccolti 12.980.750.00 kg di rifiuti differenziati, una percentuale pari al 61.76%. Confrontando questo dato con quello relativo allo stesso periodo del 2012, Cantù ha prodotto 12.592.431.00 kg di rifiuti, con una percentuale del 63.18%. Ciò significa che la differenziata si è incrementata dell’1.42% sul totale dei prodotti. La differenza dei pesi è di -388.364.00, quindi -2.99%. Le tipologie di rifiuti prese in considerazione sono le seguenti: rifiuti solidi urbani, spazzatrice, ingombranti, frazione umida, vegetali, vetro, carta, lattine – imball. Metallo, metallo, plastica, legno, olii minerali, olii vegetali, pneumatici, medicinali, batterie, frigoriferi, prodotti T-F, elettrodomestici tv, neon, toner, abiti dismessi, polistirolo. L’Amministrazione sembra comunque voler rispondere a tutte le segnalazioni che arrivano dai cittadini: già da domani, infatti, verrà ripulita dalle erbacce la zona di via Diaz da un gruppo di Lavori in Corso. “Se qualche cittadino vuole aggregarsi”, spiega Cattaneo, “Può farlo tranquillamente”.

Si parla di

Video popolari

Cresce la raccolta differenziata: un premio eco-solidale a Cantù

QuiComo è in caricamento