Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Processo sul concorso dei vigili, l'ex assessore accusato da un testimone

E' stato Paolo Fusto, vigile del comando di polizia locale di Como, a chiamare in causa l'ex assessore Francesco Scopelliti: "Le tracce del concorso le ho sapute da Bruno Polimeni il quale mi disse di averle sapute dall'assessore Scopelliti"...

palazzo-giustizia-tribunale

E' stato Paolo Fusto, vigile del comando di polizia locale di Como, a chiamare in causa l'ex assessore Francesco Scopelliti: "Le tracce del concorso le ho sapute da Bruno Polimeni il quale mi disse di averle sapute dall'assessore Scopelliti". Anche l'assessore, nell'udienza che si è svolta ieri in Tribunale a Como, avrebbe dovuto testimoniare ma a causa della sua assenza si è deciso di rinviare la sua audizione al prossimo 12 novembre. Sul banco dei testimoni anche un altro ex assessore, Paolo Gatto, che però si è avvalso della facoltà di non rispondere. Altro testimone chiamato dall'accusa (pm Massimo Astori) è stato Paolo Falanga, padre di due dei partecipanti al concorso, il quale è stato ripreso dal presidente della Corte per la sua testimonianza "troppo vaga". "Non siamo al bar" lo ha ripreso il presidente.

Nel processo sul presunto concorso dei vigili truccato che si è svolto nel 2008 sono imputati Vincenzo Graziani, Tullio Saccenti, Alessandra Saccenti, Antonella Rosati e Bruno Polimeni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo sul concorso dei vigili, l'ex assessore accusato da un testimone

QuiComo è in caricamento