Furti e reati predatori, nel comasco controlli straordinari: 13 espulsi in sette giorni

Pattugliamenti svolti principalmente nelle ore pomeridiane e serali

È giunto oggi, 1 febbraio 2020, dalla Prefettura di Como un comunicato di aggiornamento circa il proseguio dell'attività di controllo straordinario a Como e negli altri comuni della provincia lariana (con particolare attenzione al comune di Erba e limitrofi). Molte le forze dell'ordine coinvolte: ufficiali di polizia Giudiziaria che operano con l'aiuto del Reparto Prevenzione Crimine (Polizia di Stato), della polizia stradale e delle compagnie dei carabinieri territoriali, la compagnia di intervento operativo dei carabinieri di Milano, la guardia di Finanza e anche l'unità cinofila ad essa legata. 

Lo scopo era quello di monitorare capillarmente la provincia, tramite pattugliamenti e controlli di veicoli in transito, concentrandosi sulle aree maggiormente coinvolte in episodi criminali e nelle ore pomeridiane e serali. Sono stati quindi prese in considerazione persone ritenute potenzialmente pericolose e cittadini stranieri irregolari. Lo scopo è quello di prevenire reati predatori come furti e rapine ma anche spaccio di sostanze stupefacenti e prostituzione. 

Tra il 25 e il 31 gennaio 2020, l'attività ha coinvolto 175 operatori delle varie forze di polizia ed ha portato ai seguenti risultati:

- 45 posti di controllo effettuati

- 363 veicoli controllati, di cui 2 sottoposti a fermo

- 657 persone identificate e controllate

- 17 contravvenzioni per un totale di 5440,0 euro per violazioni al codice della strada

- ritirate 5 patenti di guida e 1 carta di circolazione

A rendere meglio l'idea del lavoro capillare intrapreso è il numero provvedimenti di espulsione in questa settimana, dal 25 al 31 gennaio 2020: sono 13 in tutto, di cui tre con accompagnamento in Frontiera. Otto con ordine di abbandonare il territorio dello Stato, uno accompagnato al CPR ( Centro di Permanenza per il Rimpatrio), uno con misura alternativa (obbligo di firma e consegna passaporto) 

I controlli straordinari continueranno nei prossimi giorni, sempre nell'ottica di prevenire i reati, specie quelli di natura predatoria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Un malore improvviso: addio a Mario Bottiani, fiorista del mercato coperto

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Mascherine: i 5 errori da non commettere per evitare il contagio

  • Follia Lidl, anche nel Comasco file e corse per le scarpe (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Il Lago di Como, da paradiso dei vip a caso mondiale di covid: un danno incalcolabile

Torna su
QuiComo è in caricamento