menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Inaugurazione del Patria davanti a Villa Olmo-7

Inaugurazione del Patria davanti a Villa Olmo-7

Pontili della Navigazione inaccessibili ai ciechi: interviene l'assessore regionale

"La qualità della nostra offerta turistica si misura anche dall'accessibilità delle strutture e dai servizi che offriamo ai visitatori". Così scrive Mauro Parolini, assessore al Turismo di Regione Lombardia, in una lettera inviata ai sindaci...

"La qualità della nostra offerta turistica si misura anche dall'accessibilità delle strutture e dai servizi

che offriamo ai visitatori". Così scrive Mauro Parolini, assessore al Turismo di Regione

Lombardia, in una lettera inviata ai sindaci lombardi dei Comuni rivieraschi e ai presidenti dei Consorzi di navigazione, per invitarli a "una collaborazione fattiva nell'adeguamento dei pontili al fine di prevenire gli incidenti che possono verificarsi per l'assenza delle segnaletiche per l'orientamento

e la sicurezza dei disabili visivi". L'assessore raccoglie così la richiesta avanzata dall'Istituto Nazionale per la Mobilità Autonoma di Ciechi e Ipovedenti, cui fanno capo l'Associazione e si fa portavoce della questione sottolineando che si tratta "di interventi semplici e poco onerosi, come , per esempio, l'incollaggio sulla pavimentazione esistente di segnali e percorsi tattilo-vocali in Pvc o l'apposizione, ove necessario, di mappe a rilievo". "I pontili basculanti o le banchine dei porti - precisa l'assessore nella missiva - non possono essere dichiarati accessibili se in essi non sono stati installati i segnali tattili prescritti per la sicurezza e l'orientamento dei non vedenti".

"Proprio a causa della disapplicazione della normativa vigente in tema di superamento delle barriere architettoniche di tipo senso-percettivo - aggiunge Parolini - si sono verificati incidenti, talora mortali, in alcuni porti italiani a carico di persone non vedenti o ipovedenti. Questa situazione - conclude

l'assessore - nella maggior parte dei casi è dovuta non tanto a cattiva volontà, quanto alla mancata conoscenza della normativa specifica e del concetto stesso di barriere senso-percettive"
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Como: "Bambini silenzio, a mensa non si parla o prendete la nota"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento