Dogana: a Ponte Chiasso un ufficio congiunto tra forze italiane e svizzere

Il nuovo spazio permetterà interventi più rapidi contro immigrazione e contrabbando

La Polizia di Frontiera Italiana e il Centro Competenze Flussi Migratori (CCFM) di Chiasso già nel novembre del 2016 avevano firmato un accordo sulla “Cooperazione di Polizia e doganale tra il Governo della Repubblica Italiana e il Consiglio Federale Svizzero”. Oggi quelle parole entrano nel vivo grazie all’apertura di ufficio dove collaboreranno, a stretto contatto, agenti della Polizia di Frontiera di Como/Ponte Chiasso, del Corpo Guardie di Confine e della Polizia Cantonale del Canton Ticino.

Questo spazio composto da uffici operativi misti e da una sala comune, incentiverà le azioni mirate, programmate e congiunte delle due parti coinvolte con il risultato di velocizzare gli interventi.

Resta come sempre il concordato per cui ciascuno Stato riammette nel proprio territorio ogni persona in situazione di irregolarità, rintracciata sul territorio dello Stato
cugino, purché sia chiaro che proviene o è cittadina della nazione che accoglie la richiesta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A 84 anni Giovanni va in pensione: senza di lui il bar della dogana chiude per sempre

  • Una ciclabile da Porlezza a Menaggio lungo la vecchia ferrovia: il modo "green" per ammirare il Ceresio

  • Justine Mattera sul lago di Como: "Altro che Las Vegas. Bellagio, quella vera, è un luogo magico"

  • Monica Bellucci e Vincent Cassel insieme per un giorno a Bellagio per la figlia Deva

  • Allerta meteo a Como e in tutta la Lombardia: forti temporali e calo delle temperature

  • Covid, lo strano caso della Lombardia, tutto cambia in base alla zona: a Como solo il 3% di sieroprevalenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento