Pognana Lario: il 52enne ucciso da un amico che avrebbe sparato per errore e scaricato il cadavere in strada

Questa la possibile ricostruzione dopo le prime indagini

Un tragico incidente, o almeno così ha raccontato il presunto assassino, coetaneo della vittima, interrogato per ore dal magistrato Mariano Fadda. Dalla sua pistola sarebbe partito accidentalmente un colpo nella giornata del 6 marzo 2020, ma invece di chiamare le forze dell'ordine si sarebbe fatto prendere dal panico. Così, dopo aver avvolto il corpo del suo amico F.R. in alcune coperte, lo avrebbe messo in auto e scaricato, infine, nella piazzola a Pognana Lario, in zona Cava. L'uomo ha anche dichiarato di aver tentato di far scivolare il cadavere del 52enne nella scarpata senza però riuscirci:da qui la decisione di lasciarlo a bordo strada, sulla piazzola.

Il ritrovamento del corpo e le indagini

A ritrovare il cadavere del 52enne è stato l'autista di un autobus di linea, la mattina del 7 marzo intorno alle ore 7. Sul posto sono subito intervenuti i carabinieri di Cantù e quelli del reparto invetigativo di Como per fare i rilevamenti del caso e dare inizio alle indagini. In un cassonetto dell'immondizia poco distante dal ritrovamento, hanno rinvenuto le coperte usate per avvolgere il cadavere e non lontano la pistola il cui proiettile ha colpito il 52enne. Con questi indizi, in poco tempo sono riusciti a rintracciare il presunto assassino. Durante le indagini erano state acquisite anche le immagine delle telecamere di sorveglianza che potevano essere utili ad individuare chi avesse scaricato il corpo nella piazzola. 

L'uomo che ha sparato, coetano della vittima, abita con la madre a Como e sembrerebbe che il delitto si sia consumato proprio nell'appartamento di quest'ultimo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Un malore improvviso: addio a Mario Bottiani, fiorista del mercato coperto

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Mascherine: i 5 errori da non commettere per evitare il contagio

  • Follia Lidl, anche nel Comasco file e corse per le scarpe (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Il Lago di Como, da paradiso dei vip a caso mondiale di covid: un danno incalcolabile

Torna su
QuiComo è in caricamento