Martedì, 28 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Picchiarono l'impiegato per rapinare la banca: fermata la banda dei pizzaioli

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomomobile della compagnia di Menaggio ha fermato la banda delle rapine in alto lago. Due gli episodi dei quali i quattro uomini fermati si sarebbero resi responsabili. Il primo è dell'8 luglio 2015: due di...

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomomobile della compagnia di Menaggio ha fermato la banda delle rapine in alto lago. Due gli episodi dei quali i quattro uomini fermati si sarebbero resi responsabili. Il primo è dell'8 luglio 2015: due di loro - un 26enne di Senago e un 33enne di Quarto Oggiaro - entrarono nella filiale di Gera Lario della Banca Popolare di Sondrio, aggredirono con calci e pugni l'impiegato che stava entrando in banca intorno alle 7.15 del mattino (scena ripresa dalla telecamera di videosorveglianza) ma non riuscirono a rubare nulla causa delle casseforti temporizzate. Sempre gli stessi due malviventi sono accusati della rapina al Posta di Domaso del 1 aprile 2016. In quel caso la rapina andò a buon fine e i due scapparono con 1.500 euro. Anche in questo caso l'impiegato fu immobilizzato con fascette di plastica ai polsi.

Per la rapina alla posta i carabinieri di Menaggio sono intervenuti così tempestivamente da avere costretto i due rapinatori alla fuga a piedi per le stradine del paese dove si sono liberati della pistola (poi ritrovata nel corso della perlustrazione dei militari) mentre un terzo uomo (48 anni di Quarto Oggiaro) è rimasto nell'auto con motore acceso poiché avrebbe dovuto fare da palo e da autista per la fuga. Uno dei due rapinatori entrati in banca e in posta era un pizzaiolo di Gravedona, così come pizzaiolo è un quarto uomo - 25 anni di Carimate - accusato di avere contribuito sul piano logistico alla rapina. Per i primi tre è scattato l'arresto, mentre a quest'ultimo è stato notificato solo l'obbligo di presentarsi innanzi all'autorità giudiziaria.
Si parla di

Video popolari

Picchiarono l'impiegato per rapinare la banca: fermata la banda dei pizzaioli

QuiComo è in caricamento