menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piazza, militanti e comizio del leader: il vecchio stampo di lusso della Lega

Piazza, militanti e comizio del leader: il vecchio stampo di lusso della Lega

Piazza, militanti e comizio del leader: il vecchio stampo di lusso della Lega

Tralasciando per un attimo i contenuti politici della manifestazione della Lega Nord tenuta questa mattina a San Fermo, da piazza XXVII Maggio è emerso - a nostro avviso - soprattutto un dato più generale. E cioè per quali motivi il Carroccio...

11015971_10205508204212127_1577468760_nTralasciando per un attimo i contenuti politici della manifestazione della Lega Nord tenuta questa mattina a San Fermo, da piazza XXVII Maggio è emerso - a nostro avviso - soprattutto un dato più generale. E cioè per quali motivi il Carroccio, oggettivamente e per molti aspetti, è differente dagli altri partiti sulla scena lariana. Il tema specifico dell'evento di oggi era la contestazione frontale sul metodo di accoglienza dei profughi e dei clandestini in provincia di Como, in particolare riguardo i due ultimi casi di cronaca che vedono due gruppi di immigrati stanziati in un appartamento a San Fermo e in una villetta gestita da una cooperativa sociale a Cavallasca. Nell'occhio del ciclone, oltre ai sindaci dei rispettivi Comuni, nei giorni scorsi è finita pure la prefettura che di fatto si occupa dello smistamento e dell'accoglienza degli stranieri nelle strutture del territorio. Ma, inquadrata la vicenda all'origine, il dato che ha colpito, questa mattina, era come oggi - in provincia di Como - la Lega sia l'unico partito a potersi concedere il "lusso politico" di manifestazioni di piazza di antico stampo: raduno dei manifestanti (molti, oggi, a San Fermo), comizio del leader (il parlamentare canturino Nicola Molteni), ritrovo della militanza in gran numero. Il tutto, è vero, sul tema più tradizionale e trascinante del Carroccio - il no all'immigrazione selvaggia - ma, comunque, con modalità che persino il dominante Pd di oggi farebbe fatica a realizzare all'aperto, per non parlare degli altri movimenti superstiti dell'antico centrodestra a partire da Forza Italia. Questo - al netto delle idee politiche di ognuno - è un elemento che oggi, almeno sul Lario, fa la differenza sulla natura dei partiti (i responsi delle urne sono altra cosa e andranno analizzati al tempo). Anche perché, a memoria d'uomo, un comizio in piazza di un politico comasco ("padani" esclusi) si fa davvero fatica a ricordare.

Tornando al tema specifico, Molteni - di ritorno dalla manifestazione romana con Matteo Salvini - ha rilanciato le parola d'ordine: "Noi diciamo no con forza alla logica che vede i clandestini ospitati in villette con tutti i comfort e i comaschi abbandonati a se stessi - ha affermato il deputato - Per gli immigrati il governo regala i biglietti dei bus, per i nostri concittadini arrivano tasse e rincari sui ticket. Siamo al paradosso del razzismo di Stato, dove la discriminazione vera colpisce le famiglie, gli anziani e chi cerca lavoro, mentre gli immigrati vengono accolti in massa e con tutti i benefit del caso. Una situazione ormai inaccettabile".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento