Piazza Grimoldi verso l'ok definitivo: restano le fontane, dimezzati gli alberi

Dopo un avvio di cantiere quantomai ricco di sorprese e colpi di scena - non ultimo il rinvenimento dei resti di due torri dell'antica San Giacomo, possibili segni della presenza di altrettanti campanili almeno fino al sedicesimo secolo -...

dav-263

Dopo un avvio di cantiere quantomai ricco di sorprese e colpi di scena - non ultimo il rinvenimento dei resti di due torri dell'antica San Giacomo, possibili segni della presenza di altrettanti campanili almeno fino al sedicesimo secolo - cominciano ad arrivare (pur sempre con il contagocce) buon notizie per piazza Grimoldi. Dopo l'invio delle inevitabili modifiche progettuali rispetto all'elaborato selezionato dal Comune in origine, sembra decisamente vicino il via libera della Soprintendenza ai ritocchi. Sul versante archeologico le novità avrebbero già incassato un parere positivo di massima e ora è atteso quello di natura architettonica che dovrebbe comunque arrivare agli uffici di Palazzo Cernezzi, al progettista Stefano Seneca e alla ditta che si è aggiudicata l'appalto entro breve tempo.

Per quanto riguarda i cambiamenti apportati al progetto iniziale, sembra scongiurato in via definitiva ogni rischio di stravolgimento. piazza grimoldi renderPer quanto riguarda le fontane lineari antistanti l'ingresso di San Giacomo, le strutture dovrebbero essere realizzate esattamente come previsto. Si ridurrà, invece, la presenza degli alberi verso piazza del Duomo, che da 8 dovrebbero dimezzarsi e passare a 4. Un "taglio" motivato dal fatto che proprio in quella zona è emersa la quantità maggiore di reperti dell'antica San Giacomo e per di più a pochi centimetri dalla superficie di camminamento.

Sulla scia di una situazione che comunque pare destinata a sbloccarsi progressivamente, va sottolineato pure che a giorni partirà la posa della nuova pavimentazione di piazza Grimoldi, a partire dalla zona più vicina a San Giacomo dove non sono stati rinvenuti reperti. Una volta ottenuti tutti i via libera necessari, la stessa pavimentazione si estenderà - di fatto in continuità con quella già presente in piazza Verdi - fino a piazza del Duomo perché è ormai assodato anche che i reperti rinvenuti finora saranno definitivamente ricoperti, sebbene probabilmente successivamente segnalati con installazioni o cartellonistica dedicata per mantenerne memoria e significato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Katia Ricciarelli: "Il mio compleanno in solitudine sul lago di Como"

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • In centro Como è aperto solo Alberto: "Forse gli altri non stanno così male"

Torna su
QuiComo è in caricamento