Cronaca

Piano neve dimezzato, le imprese possono chiedere i danni

"Non abbiamo ancora ricevuto nessuna comunicazione ufficiale, attendiamo qualcosa di formale dal Comune prima di esprimerci". Questo il commento della maggior parte dei titolari delle imprese a cui il Comune di Como ha affidato l'appalto per la...

neve-lungolago

"Non abbiamo ancora ricevuto nessuna comunicazione ufficiale, attendiamo qualcosa di formale dal Comune prima di esprimerci". Questo il commento della maggior parte dei titolari delle imprese a cui il Comune di Como ha affidato l'appalto per la pulizia delle strade dalla neve. Si capisce, però, che non l'hanno presa bene la notizia che l'amministrazione quest'anno spenderà meno della metà. Insomma, poco più di un anno fa si erano aggiudicati l'appalto per la manutenzione delle strade e per aggiudicarselo avevano dovuto dare garanzie ben precise, come l'avere a disposizione un numero determinato di mezzi spalaneve e spargisale. Ora tutti quei mezzi potrebbero non servire, perché il Comune non avrebbe i soldi per pagare il loro impiego. Lo stesso assessore alla Viabilità, Stefano Molinari, ha ammesso: "E' plausibile che qualche impresa ritenga di avere subito un danno, ma è un aspetto prettamente legale, se ne parlerà qualora una di loro muoverà un'azione legale contro l'amministrazione".

A dire il vero non sembra esista questa possibilità. Quale impresa si metterebbe contro il Comune che le affida un appalto di tutto rispetto per gli asfalti e la manutenzione delle strade (buche comprese)? Franco Malinverno, titolare della Malinverno Srl, ha commentato: "In effetti un disagio per noi c'è. Ci sono stati richiesti un certo numero di mezzi da dotare di gps, ora scopriamo che forse non serviranno tutti perché tanto il Comune non avrà i soldi per pagarne l'utilizzo. A saperlo prima non avremmo tenuto in azienda tutti questi mezzi e magari li avremmo impiegati in altro modo su altri cantieri. Ora aspettiamo una comunicazione scritta e ufficale da parte del Comune, poi vedremo il da farsi. Ci riuniremo con la nostra associazione Ance (Associazione nazionale costruttori edili)".

Da qui alla fine dell'anno il Comune ha stanziato per far fronte a un'eventuale emergenza neve solo 250 euro lordi, più altri 250 euro lordi per i primi tre mesi del 2012. Negli anni passati la cifra per la neve era stata di quasi 1 milione e mezzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano neve dimezzato, le imprese possono chiedere i danni

QuiComo è in caricamento