menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foot-locker

foot-locker

Pedonalizzazioni: via i furgoni da piazza Cavour e i posti moto tra banca e Footlocker

Saranno trasferiti i posti moto che oggi occupano via Macchi, la piccola strada che dal Vescovado conduce ai Portici Plinio e che di fatto è interamente occupata dalle due ruote. E quando questo accadrà - con lo spostamento delle moto in una nuova...

Saranno trasferiti i posti moto che oggi occupano via Macchi, la piccola strada che dal Vescovado conduce ai Portici Plinio e che di fatto è interamente occupata dalle due ruote. E quando questo accadrà - con lo spostamento delle moto in una nuova area dedicata che sarà ricavata vicino ai giardini di piazzale Maggiolini - la stessa via Macchi e via Grimoldi diventeranno completamente pedonali. E' questo uno dei cambiamenti varato dalla giunta comunale nell'ambito delle riqualificazioni delle piazze Volta e Grimoldi e della loro prossima riconsegna alla città. Sono state varate ufficialmente, infatti, le nuove zone pedonali all'interno della Zona a traffico limitato.

Per quanto riguarda il comparto di piazza Volta, l'estensione della zona pedonale, 24 ore su 24, riguarderà la parte verso ovest, esclusa la zona a parcheggio asfaltata verso l'autosilo. Nei fatti, tutta la piazza - trasgressori permettendo - non dovrebbe più vedere un solo veicolo né in sosta né tantomeno di passaggio, nemmeno dalla parte degli hotel.

grimoldi-8mag16Per quanto riguarda il comparto di piazza Grimoldi, l'area pedonale sarà estesa, anche qui 24 ore su 24, a via Pretorio e per la piazza nella parte verso nord, in una prima fase escludendo via Macchi e via Grimoldi. In una seconda fase, a seguito del trasferimento del parcheggio moto di via Macchi in un'area limitrofa ai giardini di piazzale Maggiolini, saranno incluse anche queste due vie. Provvedimento, questo, che dovrebbe liberare definitivamente anche la seconda parte di piazza Grimoldi dalle auto in sosta.

ghezzoLe nuove zone pedonali entreranno in vigore a seguito della firma dell'ordinanza e la conseguente posa dell'apposita segnaletica. Il provvedimento, che sarà firmato dal comandante della Polizia Locale Donatello Ghezzo, è atteso per i prossimi giorni.

Insieme alle piazze, diventeranno definitivamente pedonali anche quelle aree che già nel 2013 la giunta aveva classificato in tal senso, ossia: piazza Cavour (esclusi a nord il lungolago e a sud il tratto tra le vie Bianchi Giovini e Fontana) dove il divieto di transito sarà in vigore 24 ore su 24 (praticamente nelle due "strisce" verso il lago, ai lati del cosiddetto salotto buono, dove oggi spesso si spingono i mezzi dei fornitori di bar e altre attività, la circolazione dei veicoli sarà completamente proibita); piazza Verdi (esclusa la sede carrabile da via Bertinelli a via Rodari) dove il divieto di transito sarà in vigore 24 ore su 24; via Bellini (tratto da piazza Verdi a via Porta) dove il divieto di transito sarà in vigore 24 ore su 24; via Maestri Comacini dove il divieto di transito sarà in vigore 24 ore su 24; via Vittorio Emanuele II (tratto da via Indipendenza a via Perti) dove il divieto di transito sarà in vigore 24 ore su 24; via Vittorio Emanuele II (tratto da piazza Duomo a via Rusconi) dove il divieto di transito sarà in vigore dalle 10.30 alle 06; piazza Duomo, dove il divieto di transito sarà in vigore dalle 10.30 alle 06; via Cinque Giornate (tratto da piazza Duomo a via Boldoni) dove il divieto di transito sarà in vigore 24 ore su 24; via Caio Plinio Secondo dove il divieto di transito sarà in vigore dalle 10.30 alle 06.

davNelle vie dove il divieto di transito sarà in vigore dalle 10.30 alle 06, nelle restanti ore si applicherà la disciplina prevista per la Zona a traffico limitato. "Questo cambiamento - spiega l'assessore alla Mobilità Daniela Gerosa - porta con sé nuove opportunità per il centro storico: gli spazi pubblici riscoperti si sono già aperti ad ospitare nuove funzioni e in questi anni abbiamo visto fiorire spettacoli, concerti, proiezioni cinematografiche, installazioni d'arte, mercati, tavolini. È una città che guarda al futuro con una nuova vitalità".

"A conclusione di un processo avviato lo scorso anno - aggiunge l'assessore alla Pianificazione Urbanistica Lorenzo Spallino - restituiamo alla città e ai cittadini nuove importanti porzioni della città storica, nel rispetto della dignità e della bellezza dei luoghi".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

social

Lago di Como, Casa Brenna Tosatto: l'arte della bellezza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento