Paratie, la lettera di Pietro Gilardoni: "Lascio amareggiato ma rivendico il mio lavoro"

Grande amarezza personale per le dure contestazioni mosse da Anac alla terza perizia di variante, la sottolineatura della correttezza e dell'imparzialità del proprio operato (rivendicato anche sotto l'aspetto tecnico-amministrativo) ma infine la...

gilardoni-31mar

Grande amarezza personale per le dure contestazioni mosse da Anac alla terza perizia di variante, la sottolineatura della correttezza e dell'imparzialità del proprio operato (rivendicato anche sotto l'aspetto tecnico-amministrativo) ma infine la "resa", anche psicologica ed emotiva, di fronte all'enormità in cui si è trasformata la vicenda paratie ben al di là del "semplice" tema legato al cantiere in sé. E' intrisa di rammarico ma anche di una stanchezza quasi percepibile la lettera con cui l'ormai ex direttore dei lavori sul lungolago, Pietro Gilardoni, ha ufficializzato il proprio passo indietro assieme al collega ex Responsabile unico del procedimento, Antonio Ferro. Di seguito, alleghiamo il documento in forma integrale che si conclude con la certezza di Gilardoni di una scelta presa "nell'interesse della collettività" e per agevolare in qualche modo il superamento di quella che egli stesso definisce fase di "stallo".

CLICCANDO QUI LA LETTERA INTEGRALE DI PIETRO GILARDONI.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Parla Sarah la (ex) fidanzata comasca di Genovese: "Non faccio più uso di droghe"

Torna su
QuiComo è in caricamento