Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Paradossi di Capodanno: vetri e botti vietati, ma nessun controllo sulle lanterne "illegali"

Sono belle, affascinanti, per certi versi stupefacenti, ma sono anche illegali. O meglio, sono vietate nei luoghi dove possono causare incendi qualora non prendessero la via del cielo. Parliamo delle "lanterne cinesi", quelle che si librano in...

lanterna-1gen16

Sono belle, affascinanti, per certi versi stupefacenti, ma sono anche illegali. O meglio, sono vietate nei luoghi dove possono causare incendi qualora non prendessero la via del cielo. Parliamo delle "lanterne cinesi", quelle che si librano in volo sospinte dall'aria calda sprigionate da una fiamma che arde. Nella notte dei Capodanno 2017 hanno spopolato in centro città, ma così non doveva essere. Dispiace dirlo, ma vigono delle normative che vietano l'uso di queste lanterne. Quando questa estate è stata organizzata una lanternata ai giardini a lago Questura e Prefettura si sono premurati di comunicare che non era autorizzata. Un mese fa per quell'evento è stato identificato e denunciato un giovane che aveva contribuito a organizzare l'evento. Il divieto è ancora in vigore eppure ieri numerose lanterne si sono levate in cielo. Cosa pericolosa soprattutto di questi tempi in cui boschi e prati a causa dell'assenza di piogge da molto tempo rischiano di prendere fuoco facilmente. Ne sono una prova i numerosi roghi di questi giorni.

Siamo ai soliti paradossi: le autorità hanno vietato botti in zone affollate (ma è stato impossibile fermarli) e la vendita di contenitori di vetro da parte dei pubblici esercizi nei luoghi della città dove si concentrava la festa. Non sappiamo come e quanti controlli siano stati effettuati dalle forze dell'ordine, certo il fenomeno delle lanterne poteva essere arginato facilmente, infatti a venderle per strada sotto gli occhi di tutti erano i venditori ambulanti (per lo più cingalesi).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paradossi di Capodanno: vetri e botti vietati, ma nessun controllo sulle lanterne "illegali"

QuiComo è in caricamento