Cronaca

Omicidio di don Malgesini: Mahmoudi rifiuta il trasferimento a Monza e aggredisce due agenti

Il presunto assassino di don Roberto è stato quindi denunciato anche per resistenza e oltraggio al pubblico ufficiale

Ridha Mahmoudi, in carcere in quanto presunto assassino di don Roberto Malgesini, non avrebbe gradito la notifica del trasferimento dal carcere di Como a quello di Monza. E così avrebbe aggredito due degli agenti che aveveno il compito di effettuare il suo spostamento.

Il trasferimento del 53enne tunisino sarebbe stato deciso per motivi di sicurezza in quanto don Roberto era conosciuto da molti carcerati, che aiutava spesso nelle difficoltà legate alla detenzione e con cui aveva stretto rapporti di reciproca fiducia e solidarietà.

Quindi far rimanere Ridha Mahmoudi al Bassone poteva essere un pericolo per il tunisino stesso, oltre che per la sicurezza della vita carceraria in generale. Quando gli agenti sono andati a prelevarlo, l'uomo sarebbe andato in escandescenza, ma è stato prontamente fermato. Il trasferimento è quindi avvenuto lo scorso fine settimana, ma ora su Mahmoudi, detenuto nel carcere monzese, pende anche l'accusa di resistenza e oltraggio al pubblico ufficiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di don Malgesini: Mahmoudi rifiuta il trasferimento a Monza e aggredisce due agenti

QuiComo è in caricamento