Cronaca

Nuove scritte sul Monumento ai Caduti. L'assessore: "Saremo severi coi colpevoli"

Ancora sporcizia e degrado al Monumento dei Caduti. Nuove scritte e bottiglie vuote di birra sono il benvenuto ai turisti in una delle migliori zone di attrazione che riserva la nostra città: il Monumento ai Caduti. Davvero un brutto spettacolo...

Ancora sporcizia e degrado al Monumento dei Caduti. Nuove scritte e bottiglie vuote di birra sono il benvenuto ai turisti in una delle migliori zone di attrazione che riserva la nostra città: il Monumento ai Caduti. Davvero un brutto spettacolo quello che si presenta davanti agli occhi dei cittadini, ma è anche peggio se proviamo a pensare ad un turista che, passeggiando sul lungolago, vuole andare a far visita al monumento ispirato a un disegno dell'architetetto Sant'Elia: allora c'è ancora più da arrossire. Si perché oltre alle scritte e al cimitero di bottiglie di birra, si può anche percepire un fastidiosissimo odore di urina con annesse relative macchie. Ma la cosa che davvero fa più rabbia sono le scritte, l'assoluta mancanza di rispetto per un simbolo che ricorda i caduti nella prima guerra mondiale. Le nuove scritte risalgono a ieri, 23 settembre 2013, gli autori per ricordarsi di questa poco nobile impresa hanno voluto così scriver la data e i loro nomi.

Abbiamo chiesto a Marcello Iantorno, assessore alla Sicurezza e al Patrimonio un commento a questa ennesima bravata: "Interverrò subito recandomi al comando di polizia locale - ha detto -, per cercare di procedere all'identificazione degli autori. I frequenti vandalismi ad un monumento storico come questo hanno un peso morale non indifferente, se saranno trovati i responsabili pagheranno secondo giustizia. Il comune sarà severo, comunque non escludo che si possa risalire agli autori anche perché la zona è video sorvegliata, dunque prenderemo sicuramente visione delle telecamere di sicurezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove scritte sul Monumento ai Caduti. L'assessore: "Saremo severi coi colpevoli"

QuiComo è in caricamento