Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

"No alla chiusura degli asili nido". Cgil contro il Comune. Attacco anche sul punto cottura

Come anticipato da queste colonne due giorni fa con questo articolo, la pressoché certa chiusura di almeno un nido comunale (con tutta probabilità quello di Camerlata) da parte dell'amministrazione non è immune da reazioni negative. Oggi, infatti...

de-luca-fontana-cgil

Come anticipato da queste colonne due giorni fa con questo articolo, la pressoché certa chiusura di almeno un nido comunale (con tutta probabilità quello di Camerlata) da parte dell'amministrazione non è immune da reazioni negative. Oggi, infatti, sul tema è intervenuta con una nota ufficiale la Cgil di Como, attraverso il responsabile del settore Funzione Pubblica, Matteo Mandressi. Un comunicato molto duro, che critica le modalità con cui Palazzo Cernezzi sta per formalizzare la decisione e che sposta il tiro anche sugli ormai noti problemi legati all'individuazione del punto unico di cottura a servizio delle scuole. Alleghiamo integralmente la nota della Cgil.

matteo-mandressiLa chiusura dell'asilo nido di Camerlata, di cui veniamo a conoscenza tramite gli organi di stampa, incontra la netta contrarietà della nostra organizzazione.

Avevamo chiesto agli assessori Magni e Marelli di convocare un tavolo di studio relativo alla situazione dei nidi comaschi, ci troviamo invece con una decisione già presa. Occorre dire che dietro quella che viene definita un'opera di razionalizzazione, non si intravede alcun progetto strutturato. Quest'iniziativa apre invece ad un percorso, pluriennale, di dismissione del servizio. E' infatti evidente che se la politica del personale esclude,seppur su numeri limitati dalle norme, alcuna assunzione nel settore, di razionalizzazione in razionalizzazione si arriverà alla chiusura totale.

I fatti: il fabbisogno triennale del personale, approvato col parere negativo dei sindacati, non prevede per i prossimi anni nessuna assunzione di personale asili nido. Camerlata rappresenta un quartiere che, con il completamento della cittadella della salute e l'insediamento Esselunga, vedrà, presumibilmente, una richiesta di maggiori servizi. Il nido di Camerlata registra una frequenza notevole di stranieri, ha un ruolo di integrazione nel quartiere ed una valenza che va al di la dei numeri.

Intraprendere iniziative di questo genere, fuori da un contesto progettuale e senza affiancarlo ad una politica del personale significa scegliere la strada più semplice ma foriera di ricadute negative.

La vera razionalizzazione, quella delle mense, registra ritardi preoccupanti ed ipotesi di privatizzazione ormai evidenti.

Chiediamo quindi che l'Amministrazione sospenda qualsiasi decisione e dia risposta, alla richiesta reiterata e ad oggi inspiegabilmente inevasa, di convocazione di un incontro di approfondimento con le organizzazioni sindacali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No alla chiusura degli asili nido". Cgil contro il Comune. Attacco anche sul punto cottura

QuiComo è in caricamento