Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Omicidio di Antonio Deiana, arrestato un monzese: ha murato il cadavere

Nello Placido, 44 anni: è ritenuto il complice dell'uomo arrestato a luglio

Un altro colpevole per l'omicidio di Antonio Deiana, il 36enne ucciso a coltellate nel 2012 e trovato nel luglio 2018 sepolto sotto il pavimento di una cantina di un palazzo di Cinisello Balsamo. Venerdì 9 novembre gli agenti della polizia di Stato, su richiesta della Procura della Repubblica di Monza, hanno arrestato Nello Placido, 44enne di Monza: secondo gli inquirenti sarebbe il complice di Luca Sanfilippo, residente nella palazzina in cui vennero trovati i resti, reo confesso dell'omicidio.

Arrestato il complice dell'omicidio Deiana: il video

Placido deve rispondere delle accuse di concorso in omicidio aggravato dalla premeditazione e soppressione di cadavere.

L'omicidio dei Deiana

Antonio Deiana era scomparso il 20 luglio 2012 quando in sella ala sua moto era uscito da casa senza più farvi ritorno. Suo fratello Salvatore era stato trovato morto nel febbraio 2015 in un bosco di Oltrona San Mamette, ucciso da alcuni affiliati alla 'ndrangheta. A sei anni esatti dalla scomparsa di Antonio il 20 luglio 2018 Luca Sanfilippo aveva confessato e permesso alla polizia di trovare i resti della vittima. Sanfilippo aveva detto di aver ucciso Deiana a coltellate dopo un litigio scoppiato per motivi di droga. 

Le indagini 

Dopo l'arresto le indagini erano proseguite: la confessione di Sanfilippo non aveva convinto gli investigatori che sin dal 2015 ipotizzavano che Placido fosse coinvolto nell'omicidio. I poliziotti hanno quindi utilizzato intercettazioni telefoniche e ambientali per rafforzare il quadro probatorio a carico di Placido. Nella giornata di venerdì le Squadre Mobili delle Questure di Milano e di Como e del Commissariato Greco Turro hanno arrestato il 44enne nella sua abitazione di Monza.

Leggi la notizia su MonzaToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Antonio Deiana, arrestato un monzese: ha murato il cadavere

QuiComo è in caricamento