Argegno, motociclista ubriaco ad alta velocità sulla Regina: tasso alcolico 7 volte oltre il limite

Si è giustificato dicendo di aver bevuto "qualche birra" durante il giro sul lago

Repertorio

Ubriaco in sella alla sua moto viaggiava a velocità sostenuta sulla Statale Regina in pieno giorno: ma le sue condizioni non sono passate inosservate alla polizia stradale che lo ha fermato riscontrandogli una concentrazione di alcol nel sangue quasi 7 volte superiore al consentito.
E' successo domenica 30 giugno 2019 verso le 17: una pattuglia della Stradale di Tremezzina, nell'ambito di un controllo, ha notato il motociclista che viaggiava in sella a una Yamaha R1 verso Como a velocità sostenuta.
Gli agenti gli hanno intimato l’alt: al controllo hanno notato che l'uomo, un 49enne residente a Meda (P.V.) le sue iniziali), non era lucido. Così hanno deciso di sottoporlo agli accertamenti con l'etilometri: nel sangue è stato riscontrato un tasso alcolemico di 3,42 g/l, circa 7 volte superiore al massimo consentito di 0,5 g/l.

Il 49enne, a carico del quale non risultano precedenti specifici, si è giustificato dicendo di aver bevuto qualche birra durante il suo giro sul lago iniziato qualche ora prima. Il rientro a casa è avvenuto con il carro attrezzi a seguito del sequestro del veicolo (tra l’altro nuovo, immatricolato nell’aprile 2019), scongiurando così un gravissimo pericolo per l’incolumità sua e di tutti i numerosi turisti e residenti che a quell'ora di domenica viaggiavano sulla trafficata arteria.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, tragedia all'alba: ragazzo trovato in fin di vita sulla strada muore in ospedale

  • Il colosso Zara apre a Como for&from: commessi disabili per un negozio senza barriere

  • Dongo, cane ammazzato e buttato nel lago con un cappio al collo: è caccia al responsabile

  • Le 10 migliori pizzerie di Como (e dintorni)

  • Il dramma di Gaetano Banfi, il ragazzo di Rebbio morto in strada

  • Criminale sfortunato, va a processo per evasione ma due vigili lo riconsocono anche per un altro reato

Torna su
QuiComo è in caricamento