Cronaca

La morte di Mattia Mingarelli in Valmalenco, dall'autopsia nessun segno di violenza

Le prime indiscrezioni sull'esame del corpo del giovane di Albavilla sembrerebbero escludere l'omicidio, ma i dubbi restano

Mattia Mingarelli

Sembrerebbe allontanarsi l'ipotesi dell'omicidio nella morte di Mattia Mingarelli, il 30enne comasco di Albavilla scomparso il 7 dicembre 2018 a Chiesa Valmalenco e ritrovato morto nel pomeriggio della Vigilia da alcuni sciatori della ski-area del Palù dopo più di 15 giorni di indagini e ricerche serrate.
Mercoledì 26 dicembre all'ospedale di Sondrio si è svolta l'autopsia sul corpo del giovane agente di commercio disposta dalla Procura: secondo le prime indiscrezioni pubblicate dalla Provincia, non sarebbero stati rilevati segni di violenze e non ci sarebbero segnali che il corpo sia stato spostato.
Tante le ipotesi aperte: Mattia potrebbe essere stato vittima di una disgrazia, di una caduta, o di un malore improvviso.
Le indagini proseguono dunque a 360 gradi: tanti gli interrogativi cui bisogna ancora dare una risposta, attesa proprio dall'esito ufficiale dell'autopsia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La morte di Mattia Mingarelli in Valmalenco, dall'autopsia nessun segno di violenza

QuiComo è in caricamento