Morale, onestà, coalizione morta, Pd ridotto a guerra di potere: le frasi shock di Paco Sel

Si fa francamente fatica a capire come il documento politico inspiegabilmente diffuso soltanto diverse ore dopo la conferenza stampa tenuta dai vertici di Paco e Sel possa concludersi con frasi quali "il nostro comportamento di fronte ai grandi...

dav-428

"Rispetto alla scelta delle priorità crediamo si sia fatto troppo poco: una delle città più ricche d’Europa non deve avere due velocità, quella del centro - vetrina importante per il turismo, la cultura e il commercio - e quella dei quartieri di cintura, luogo di vita della maggior parte dei comaschi. Asfaltature, illuminazione, piccoli interventi di manutenzione sono doverosi e necessari, ma non connotano il colore di una giunta, che invece si caratterizza per altri aspetti quali la scelta di come utilizzare il patrimonio pubblico, sul quale stiamo ancora aspettando un censimento completo sullo stato e sulle priorità di utilizzo, e per il progetto sui quartieri di cintura. Su questi temi nell’incontro di metà mandato, che si è svolto alla cascina Massé il 10 marzo del 2015, presentammo una proposta precisa su Bilancio e coesione sociale che non è stata minimamente presa in considerazione"

frisoni-lucini"Lo stesso atteggiamento di chiusura lo abbiamo ricevuto sul tema, per noi una priorità anche morale, del contrasto all’evasione: la nostra proposta prevedeva un investimento di adeguate risorse economiche e l’assegnazione di personale addetto, non solo al recupero dei tributi e delle tasse comunali non versati, ma anche alla collaborazione con l’Agenzia delle Entrate per la segnalazione di elusione e evasione della fiscalità generale, affinché il comune dimostrasse concretamente alla città la direzione giusta: equità e redistribuzione delle risorse. Gli altri temi, paratie, Ticosa, urbanistica, viabilità, politiche sociali, solo per citarne alcuni, pensavamo di affrontarli insieme con un atteggiamento libero, non preconcetto, ma con l’obiettivo di “far bene per i cittadini e le cittadine” di Como"

"Il nostro atteggiamento era teso a dare una impronta, un metodo riconoscibile dell’amministrare, basato sulla trasparenza, sull’onestà, sulla politica come servizio, su uno stile di condivisione che partiva dall’idea che le diversità politiche sono una opportunità di crescita e che prima delle decisioni vi dovesse essere una approfondita discussione. Nel corso di questi anni il nostro ruolo politico è stato spesso di pungolo, di anima critica di una coalizione che nel lavoro di giunta è stata poco squadra e nel lavoro di consiglio ha dimostrato poca autonomia di giudizio e capacità di approfondimenti al di là degli schieramenti"

paratie-19feb16-4"Dobbiamo quindi constatare con onestà che sui due temi chiave per la città, le paratie e la Ticosa non siamo stati in grado di dare una svolta, al di là delle responsabilità politiche e soggettive, e che su un tema delicato, ma centrale, del rapporto tra dirigenti e sfera politica è mancata la determinazione di cambiare. Il ventennio di amministrazione delle destre ci aveva consegnato un apparato ipertrofico e refrattario al cambiamento, a fronte di un apparato tecnico insufficiente, un apparato di funzionari abituati a invadere il campo dei decisori politici e poco disponibili al confronto"

Marco-Tettamanti"Dobbiamo constatare quindi che il nostro ruolo è sempre stato vissuto con sufficienza e spesso con fastidio, dal PD e da Como Civica. Non basta il tardivo riconoscimento di questi errori che nelle ultime due settimane è stato ripetuto come un mantra. Adesso pare che il coordinamento politico sia uno strumento fondamentale, che molte delle nostre richieste (attenzione ai quartieri, lavoro sulla coesione sociale, assegnazione di una piccola quota di bilancio ai quartieri per una progettazione partecipata, ecc) siano possibili e decisive. Noi non vogliamo essere il paravento di una coalizione che anche sul piano nazionale è morta per volere del PD che ha scelto altre alleanze e una diversa prospettiva politica, anche in provincia di Como".

procura-paratie-piacente-addesso-mag16"Ci sono ulteriori aspetti che dimostrano la nostra distanza da queste forze politiche: l’inchiesta giudiziaria è stata usata da una parte della maggioranza come clava contro il sindaco e la stessa giunta non ha colto l’occasione per fare chiarezza sulle responsabilità; la scelta del sindaco di non ricandidarsi è stata presa subito a pretesto dal PD per presentare un percorso, legittimo, ma non condiviso con nessuno".

"Il PD non avrà più il comodo alibi di Paco Sel per affrontare le proprie contraddizioni e trasformare il dibattito sulla città in una lotta di potere interna a questo partito"

Cliccando qui potete leggere il documento in formato integrale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • Chiara Ferragni, nuovo post nostalgico sul lago di Como: "Spero di comprare lì una casa vacanze"

Torna su
QuiComo è in caricamento