menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
mde-77

mde-77

Minonzio scomunica la Como "complottista". Eppure c'è vita anche oltre le cartoline

E' davvero un editoriale da staccare e conservare quello con cui oggi il direttore de "La Provincia", Diego Minonzio, probabilmente ebbro del successo che i suoi cronisti - ideatori e realizzatori delle cartoline sul lungolago assieme a un esterno...

E' davvero un editoriale da staccare e conservare quello con cui oggi il direttore de "La Provincia", Diego Minonzio, probabilmente ebbro del successo che i suoi cronisti - ideatori e realizzatori delle cartoline sul lungolago assieme a un esterno, Pierpaolo Perretta - hanno consegnato alla testata, propone dalle colonne papali del giornale.

In un sol colpo il direttorissimo, smaltito il pescetto piluccato con Nicola Molteni e Alessandro Fermi il giorno prima del cannoneggiamento, prende a schiaffi la parte ignorante dei comaschi che sommessamente si è permessa qualche domanda sulle possibili ricadute sia pratiche che politiche della mastodontica campagna in atto, tira qualche calcetto negli stinchi a chi (come noi, ad esempio) per non giocare soltanto in difesa rispetto all'indubbio successo delle cartoline ha tentato di proporre qualcosa di diverso ai propri umili 4 lettori, bolla chiunque non abbia abbassato le mutande per far passare il furgone di via Paoli diretto a Roma come sorta di reietto e subumano, e riesce persino (autentico capolavoro) a tirare le orecchie ai suoi cronisti con un passaggio che, specialmente in questi giorni di successo, suona stonato nella descrizione dei colleghi come un piccolo esercito di pance piene e svogliate accatastate sulle scrivanie di Camerlata ("grazie a redattori e collaboratori che, quando si ricordano quanto sia bello fare i cronisti, sanno lavorare in modo straordinario", è il passaggio dell'editoriale quantomeno ingeneroso).

como-panorama-dallaltoPiccole faide interne a parte, l'anatema domenicale di Diego Minonzio parte dalla constatazione che pur essendo Como una città fantastica non è un luogo comunque perfetto perché "pullula di svariati scienziati e cervelloni" che passano il tempo ad elucubrare e alzare il sopracciglio, moraleggianti, tromboneggianti e sermoneggianti, per capire - sorta di parassiti del pensiero - se questa campagna pro lungolago possa nel contempo cambiare equilibri, spostare assi politici, favorire alcune personalità a discapito di altre. Ma no, secondo Minonzio dovremmo prendere le cartoline e mangiarne tutti, fare quello in memoria di lui e del suo giornale in segno di obbedienza e fedeltà, e nessuno dovrebbe azzardare alcuna analisi su come una campagna del genere risulti pure una evidente stroncatura dei governanti in carica a Palazzo Cernezzi, a Milano e a Roma (per di più a un anno dal voto). Oppure su come, per molti aspetti, il rapporto diretto con il leader che tentano di innescare le cartoline suoni come una frustata anche a quelle classi dirigenti locali che delle paratie modello Lucini sposarono ogni sillaba 4 anni fa e che pure - specialmente nelle melliflue pagine di economia del quotidiano - ogni giorno vengono celebrate come eserciti di Steve Jobs al missoltino.

Matteo Renzi a Como (fotogallery by Fabrizio Comerio)Tralasciando le venature surrealiste sul giornale "che non fa politica" e alcuni incisi autocelebrativi, vi è poi un lungo passaggio in cui sembra chiara la volontà di sbeffeggiare tutti coloro che in questi giorni, anche senza cartoline - perché, comunque, si sopravvive dignitosamente anche senza, pare - sta comunque occupandosi della vicenda paratie su altri fronti. E non certo per disconoscere l'apprezzamento di cui ha goduto l'iniziativa, bensì per offrire comunque qualcosa di più e di altro, in sordina. Eppure niente, nessuna pietà nemmeno per chi questo lo fa giornalisticamente, dando conto che c'è vita attorno al lungolago anche se a Minonzio non piace e che a Roma tra poche ore si troveranno comunque allo stesso tavolo il sindaco, il presidente della Regione, i due deputati Pd comaschi, il direttore della Struttura per le infrastrutture idriche che dipende direttamente da Matteo Renzi e pure il presidente dell'Anac Raffaele Cantone che pure il direttore de "La Provincia" accosta - assieme agli altri - "al dottor Azzeccagarbugli e a Mastro Ciliegia". E non basta, perché dopo aver liquidato chiunque non si pieghi all'unica logica possibile che le cartoline salveranno il mondo e tenta comunque di dar conto degli incontri tra chi per ruolo o per forza del lungolago si deve occupare, il direttorissimo archivia così chi propone letture e narrazioni alternative del momento: "Questo è il livello del dibattito. Ma sono ragazzi, bisogna avere pazienza...".

lucini-fascia-tricolore-2Ma se fin qui, al di là qualche sprazzo vagamente totalitario, il tema forse è stato più quello del buongusto che altro, la chiusura è da consegnare ai posteri. Infatti, dopo aver sbertucciato chi analizzava i riflessi politici dell'iniziativa del giornale, dopo aver preso per il naso chiunque abbia espresso un'analisi che andasse oltre il tatuaggio delle cartoline sulla fronte e dopo aver rivendicato testualmente che "La Provincia non fa politica", questa è la chiusa dell'invettiva sul quotidiano di oggi, legata alle risposte che dovrà tassativamente dare Matteo Renzi in persona e nessun altro alle cartoline in arrivo a Roma: "I comaschi sanno molto bene come comportarsi in caso di risposta negativa o di un'altra presa in giro. Già a partire dalla prossima primavera". Quando a Como si voterà sulla riconferma del sindaco Lucini e del governo cittadino a trazione Pd. Ma "La Provincia" non fa politica e le cartoline non sono (anche) un'azione politica, bifolchi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento