rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Cronaca

Maxi operazione dei Nas: cucine di ospedali e case di riposo invase da blatte, escrementi e insetti

Controlli in tutta Italia, Lombardia e anche nel Comasco

In totale, in tutta la Penisola, sono stati passati al setaccio 992 punti di cottura e preparazione pasti ubicati all’interno di altrettante strutture sanitarie, sia pubbliche che private: 340 di questi hanno evidenziato irregolarità, pari al 34%, con l’accertamento di 431 infrazioni penali e amministrative, per complessivi 230mila euro di sanzioni pecuniarie, contestate a causa di violazioni nella gestione degli alimenti, nella mancata rispondenza in qualità e quantità ai requisiti prestabiliti dai capitolati d’appalto e dell’uso di ambienti privi di adeguata pulizia e funzionalità", hanno spiegato dal Nas. 

Nel corso delle verifiche sono stati eseguiti anche numerosi tamponi di superficie e campioni per la ricerca di agenti patogeni e contaminanti sulle aree di maggiore rischio, quali superfici di lavoro, vassoi e acqua utilizzata per la preparazione dei pasti. 

Irregolarità sono state riscontrate in Lombardia e in tutta Italia.  

Controlli in Lombardia

Nas Milano, marzo 2023 

Nel corso delle attività ispettive presso le mense di un istituto geriatrico e di un ospedale, nella provincia di Milano, è stata accertata la presenza di infestazioni di insetti nei locali utilizzati per la preparazione dei cibi/lavaggio delle stoviglie, nell’area magazzino e nelle celle frigorifere. Disposta l’immediata chiusura dell’attività di entrambe le cucine e, presso l’ospedale, smaltiti 100 kg di alimenti in cattivo stato di conservazione, poiché a diretto contatto con gli infestanti. Elevate sanzioni a carico dei titolari delle due aziende di ristorazione gerenti le mense, per un importo complessivo di 6.000 euro.

Nas Brescia, marzo 2023 

Ispezionata la mensa di un ospedale della provincia di Bergamo, dove è stata riscontrata la presenza di alimenti, tra quelli utilizzati per la preparazione del pasto del giorno, non più idonei al consumo e pasta fresca scaduta di validità. I prodotti sono stati smaltiti. Al legale rappresentante dell’azienda sono state notificate sanzioni per 2.000 euro. 

(Video dell'operazione nazionale dei Nas in varie strutture)

 

Como e dintorni

Per quanto riguarda il comasco è stata controllata una struttura in provincia, l'ospedale Sant'Antonio Abate di Cantù, a cui sono state contestate solo alcune carenze strutturali ma nessuna infrazione a livello igienico. Lo stesso nella vicina Saronno e a Giussano, in Brianza.  

Le chiusure dopo la maxi operazione dei Nas

Sette i punti cucina chiusi in tutta Italia. Due di questi sono proprio in Lombardia, nel capoluogo meneghino. Nove gestori dei servizi mensa sono stati denunciati perché "ritenuti responsabili dei reati di frode e inadempienze in pubbliche forniture, detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione e inosservanze alla normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro".

Per il resto la maggioranza delle infrazioni ha riguardato aspetti sanzionatori amministrativi come le carenze strutturali e impiantistiche dei locali impiegati alla preparazione dei pasti, la mancata attuazione dell’autocontrollo e della tracciabilità, elementi fondamentali per prevenire possibili episodi di intossicazione, ancor più significativi nelle fasce sensibili dei malati degenti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi operazione dei Nas: cucine di ospedali e case di riposo invase da blatte, escrementi e insetti

QuiComo è in caricamento