rotate-mobile
Cronaca Mariano Comense

Mariano, torna la puzza di zolfo e latrina, l'ira di Facchinetti: "Adesso ci pensiamo noi"

L'appello sui social ai cittadini: tempestate il Comune e le forze dell'ordine di telefonate

È una storia che va avanti da molto tempo e che Francesco Facchinetti, produttore e dj di successo, ha denunciato più volte. Stiamo parlando della puzza di "latrina e zolfo" che si respira a Mariano Comense ma anche a Figino e in altri paesi sulla Novedratese. Circa 4 giorni fa Facchinetti aveva fatto l'ultimo appello e per qualche giorno la situazione sembrava migliorata. Oggi, 24 gennaio, la malefica puzza è tornata e con lei l'ira di Facchinetti. 

Un odore infernale, che non lascia tregua e che è emesso da una ditta del posto. Facchinetti, come risaputo, vive proprio a Mariano Comense con la sua bella famiglia e tramite social ha lanciato l'ennesimo furioso messaggio dove chiede l'aiuto di Striscia la Notizia e delle Iene e invita anche tutti i cittadini della zona a farsi sentire con chi di dovere: comuni, polizia e carabinieri. Le sue parole raccolte nelle Storie del suo profilo Instagram: 

"Carabinieri, polizia andate a parlare con questo sxxxxxo. Oppure state aspettando che ci pensiamo noi? Se volete andiamo noi, non c'è problema dove non arriva la giustizia andiamo noi. Ho almeno 200 persone che hanno voglia di andare la a spaccare il cancello di quel posto. Prego tutte le persone della zona di tempestare di chiamate il Comune, i giornali locali e le forze dell'ordine. Si può vivere in mezzo alla mxxxa? Io sono allibito".

facc-2

Quella della Giustizia fai da te è chiaramente una provocazione del produttore e dj di Mariano, forse dettata dall'esasperazione per quell'odore acre che da anni rende la qualità della vita pessima in tutta la zona. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mariano, torna la puzza di zolfo e latrina, l'ira di Facchinetti: "Adesso ci pensiamo noi"

QuiComo è in caricamento