menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ada-mantovani-9feb15

ada-mantovani-9feb15

Mantovani: "Basta sosta selvaggia ai giardini di viale Varese e in piazza Matteotti"

"Stiamo vivendo un'emergenza, Como sul fronte dei parcheggi è al collasso". Un concetto tutt'altro che sfumato quello espresso dalla consigliera comunale della lista Adesso Como, Ada Mantovani, in tema di sosta. Con due "agganci" particolari...

"Stiamo vivendo un'emergenza, Como sul fronte dei parcheggi è al collasso". Un concetto tutt'altro che sfumato quello espresso dalla consigliera comunale della lista Adesso Como, Ada Mantovani, in tema di sosta. Con due "agganci" particolari, illustrati in aula anche durante l'ultimo consiglio comunale. Ovvero - come, peraltro, era già stato denunciato da un lettore qualche settimana fa - la ricerca spasmodica di un posto auto che porta a trasformare aree dedicate a tutt'altro a parcheggi improvvisati e abusivi.

sosta-abusiva-viale-varese"L'emergenza parcheggi - dice Ada Mantovani - si può valutare anche da come alcune zone siano diventata specie di parcheggi autorizzati, pur senza esserlo affatto e dove tra l'altro non capitava così spesso. Mi riferisco per esempio alla situazione di viale Varese, precisamente all'altezza del civico 79. Io abito in quella zona, dunque constato personalmente che soprattutto nel weekend nei giardini si infilano sempre più macchine. Un problema a cui si potrebbe ovviare facilmente ostruendo l'accesso a quella zona dei giardini con i classici panettoni".

Altro punto caldo segnalato dalla consigliera è piazza Matteotti: "La stazione degli autobus, anche in questo caso particolarmente nei weekend, diventa un posteggio vero e proprio. Io capisco la necessità di posti auto, perché su questo fronte la città è al collasso anche a causa della grandissima presenza di turisti, però o si decide di autorizzare la sosta oppure si prendano provvedimenti".

Ultimo accenno, infine, all'ipotesi di pedonalizzazione del lungolago contenuta nello studio commissionato dal Comune alla società milanese Polinomia e illustrato un paio di settimane fa (qui i dettagli). Lapidario il commento: "La chiusura del lungolago mi pare un'ipotesi assurda in questo momento".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

social

Lago di Como, Casa Brenna Tosatto: l'arte della bellezza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento