menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Manifesti anti-zingari, Frisoni: "Discriminatori, li toglieremo e valutiamo sanzioni"

Manifesti anti-zingari, Frisoni: "Discriminatori, li toglieremo e valutiamo sanzioni"

Manifesti anti-zingari, Frisoni: "Discriminatori, li toglieremo e valutiamo sanzioni"

"Quel messaggio è discriminatorio e non possiamo accettarlo. Rimuoveremo i manifesti e valuteremo sanzioni". Non sono affatto piaciuti all'assessore al Commercio di Palazzo Cernezzi, Paolo Frisoni, i cartelloni verdi con cui Confesercenti ha...

"Quel messaggio è discriminatorio e non possiamo accettarlo. Rimuoveremo i manifesti e valuteremo sanzioni". Non sono affatto piaciuti all'assessore al Commercio di Palazzo Cernezzi, Paolo Frisoni, i cartelloni verdi con cui Confesercenti ha tappezzato la storica struttura tra via Sirtori e via Mentana, vicenda ripresa anche da siti e quotidiani nazionali. Nel mirino, come prevedibile, la grande scritta bianca su sfondo verde: "Siamo per un mercato libero da abusivi, zingari, falsi mendicanti". In fondo, loghi e sigla dell'associazione cittadina di settore. E se il presidente di Confesercenti, Claudio Casartelli, in questa intervista ha escluso ogni intento discriminatorio nell'iniziativa, per l'assessore Frisoni le cose stanno molto diversamente.

paolo-frisoni-15"Il problema dei mendicanti non è solo del mercato coperto ma generale in tutta la città, tra centro e periferia - dice l'esponente della giunta Lucini - Non abbiamo molti strumenti per intervenire, è chiaro che il mercato ha maggiore attrattività. Lo stesso discorso vale per gli abusivi. Facciamo di tutto e quanto nelle nostre facoltà. Abbiamo un piano con il comando della polizia locale e siamo in coordinamento con la prefettura". Fatta la premessa tecnica, ecco arrivare la stroncatura dell'iniziativa in sé: "Per una città come Como che si vanta di essere accogliente sono andati sopra le righe. Non rientra nella nostra mentalità un linguaggio del genere. Non è nemmeno buona pubblicità nemmeno per le associazioni di categoria. Ritengo l'espressione discriminatoria e mi dà fastidio che abbiano usato il mercato per appendere questi cartelli. Ci incontriamo sempre, molti incontri non capisco perché arrivino a questo. Non possiamo accettare che il mercato venga utilizzato in questo modo. Li rimuoveremo e valuteremo sanzioni. I problemi non si risolvono con i cartelli".

Da segnalare, però, che invece dal consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Marco Butti, è giunto totale sostegno a Confesercenti: "Denunciamo quei problemi da anni, e diamo la nostra piena condivisione all'iniziativa dell'associazione". Davide Cantoni Emanuele Caso
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lago di Como, cinque trattorie all'aperto con vista mozzafiato

WeekEnd

Le 10 migliori gite al Lago di Como e dintorni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento