menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sequestro di famaci a Malpensa

Sequestro di famaci a Malpensa

Malpensa, passeggero trovato con 26mila compresse di medicine varie: tenta la fuga

Aveva già consegnato i documenti agli agenti, che stavano verbalizzando, ma ha tentato di scappare riprendendosi anche i medicinali illegali: è stato fermato

I funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in servizio presso l’aeroporto di Malpensa e i finanzieri del Gruppo di Malpensa hanno sequestrato migliaia di farmaci rinvenuti in alcuni bagagli portati al seguito da un passeggero congolese, proveniente da Addis Abeba (Etiopia) e destinati al commercio al dettaglio.
Il viaggiatore è stato trovato in possesso di oltre 26.000 compresse di vari medicinali, tra i quali era presente in ingente misura un farmaco con il principio attivo “DEXAMETHASONE”, uno steroide antinfiammatorio economico. Con i medicinali sono stati rinvenuti nei bagagli anche prodotti cosmetici vietati nel nostro territorio.
Il passeggero fermato, benché avesse già consegnato i propri documenti agli agenti, ha tentato la fuga cercando di rimpossessarsi con destrezza dei bagagli contenenti la merce.
Il tentativo di fuga è stato prontamente vanificato grazie all’intervento dei militari della Guardia di Finanza che hanno riportato il passeggero negli uffici doganali per le operazioni di verbalizzazione.
Per i prodotti cosmetici è stata disposta la termodistruzione.

Sentito il P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Busto Arsizio, il passeggero è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per interruzione di pubblico servizio.
L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e la Guardia di Finanza assicurano costante presidio per evitare l’ingresso sul territorio nazionale di sostanze pericolose per la salute pubblica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Avanza l'ipotesi zona rossa per tutta la Lombardia dall'8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento