Malpensa, arriva in Italia con 25 ovuli di cocaina nascosti nel corpo

Altri 7 kg di stupefacenti nel bagaglio trovati grazie a Rock, cane antidroga

I finanzieri di Malpensa durante il controllo sul bagaglio della donna

I finanzieri di Malpensa, anche grazie alla collaborazione dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno sequestrato più di 7 kg di metanfetamine e quasi mezzo chilo di cocaina contenuta in 25 ovuli. Aiutati dal cane antidroga Rock, un pastore belga con 2 anni di servizio, hanno scoperto anomalie nel bagaglio al seguito di una cittadina nigeriana di 44 anni, che entrava in Italia dal Laos. La donna, regolare sul territorio italiano e residente nel Lodigiano, aveva abilmente nascosto nelle pareti della valigia per la precisione 7,6 kg di metanfetamine. A quel punto, interrogata riguardo al suo viaggio, la 44enne ha dimostrato di essere confusa e agitata, il che ha ulteriormente insospettito i militari che hanno così deciso di portarla all'ospedale di Gallarate per sottoporla a una visita radiologica.

La TAC ha evidenziato la presenza di tanti ovuli nel corpo della donna, che è stata quindi trasferita nell'aria S1 del terminal 2 di Malpensa - una fra le due strutture in Europa dotata di tecnologie per il trattamento asettico degli ovuli. Qui la 44enne è stata costantemente monitorata, fino all’espulsione naturale degli gli ovuli. A questo punto, su ordine del sostituto procuratore della Repubblica di Busto Arsizio, Massimo De Filippo, la donna è stata arrestata e portata in carcere a Milano. Ovviamente la droga è stata sequestrata dalla Guardia di Finanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Mascherine: i 5 errori da non commettere per evitare il contagio

  • Il Lago di Como, da paradiso dei vip a caso mondiale di covid: un danno incalcolabile

  • Piccole imprese che resistono, la storia di Alessandra :"I miei clienti, la mia forza mi dicevano: non mollare"

  • Deserto Malpensa: le surreali immagini di un viaggio da Como ad Addis Abeba

Torna su
QuiComo è in caricamento