Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca

Magni, Marelli e Gerosa archiviano il centro cottura: "Per il 2016-2017 restano le 17 cucine"

Non è semplice dare conto di quanto accaduto - in un'atmosfera piuttosto surreale - nella Commissione comunale svoltasi ieri a Palazzo Cernezzi e dedicata interamente al progetto del (teorico) unico punto cottura cittadino per la prepazione dei...

L'ammissione è stata fatta e condivisa da tutti e tre gli assessori coinvolti dalla vicenda e presenti ieri in Commissione: Silvia Magni (Politiche Scolastiche), Savina Marelli (Personale) e Daniela Gerosa (Lavori pubblici). Incalzati soprattutto da una furiosa Anna Veronelli - ex assessore alla Scuola e da sempre in prima linea sul tema specifico - ma anche da diversi altri consiglieri (in particolare Luca Ceruti, Marco Butti e Alessandro Rapinese) è arrivata la conferma che il tourbillon dell'autunno scorso non avrà alcun effetto imminente.

"Abbiamo condotto verifiche in questi mesi - ha detto Silvia Magni - dapprima su edificio dell'ex Centrale del latte in via Stazzi, ma la struttura era molto ammalorata e difficilmente recuperabile se non tramite abbattimento e ricostruzione ex novo. Poi ci siamo concentrati sulle cucine inutilizzate del vecchio ospedale Sant'Anna di Camerlata. Grazie alla disponibilità dell'azienda ospedaliera, abbiamo fatto un sopralluogo ma le verifiche sulla fattibilità in quegli spazi sono ancora da concludere e approfondire. In più, quando avremo in mano tutti gli aspetti tecnici, bisognerà comunque definire tempi e modi dell'utilizzo dell'immobile, che non è proprietà comunale".

Dopo una sfuriata di Anna Veronelli che ha bollato come "inaccettabile" il quadro dipinto a 4 mesi dallo stop di dicembre definendosi preoccupata per il fatto che "si parla ancora di verifiche, senza certezze né risposte definitive evidenziando la clamorosa sottovalutazione di costi e tempi per un'operazione del genere", è emerso che ora è stata addirittura tolta la voce economica per il centro cottura dai nuovi documenti di bilancio. E sebbene Daniela Gerosa abbia annunciato l'intenzione di "valutare se il progetto pensato per via Isonzo sia adattabile anche alle cucine dell'ex Sant'Anna", Savina Marelli ha sottolineato che "non lasceremo la via attuale (17 cucine attive con personale comunale, ndr) senza che l'alternativa sia convincente e disponibile, anche perché la situazione attuale per quanto riguarda il personale (44 persone a tempo determinato, oltre alle 77 a tempo indeterminato) non è protraibile all'infinito visto che non si possono rinnovare per sempre le assunzioni a tempo se non vi sono questioni di estrema urgenza. Comunque per quanto riguarda le mense, per l'anno scolastico 2016-2017 non cambierà nulla, tutto resterà com'è ora".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Magni, Marelli e Gerosa archiviano il centro cottura: "Per il 2016-2017 restano le 17 cucine"

QuiComo è in caricamento