menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ma la fontana e gli alberi in piazza Grimoldi non vanno bene

Ma la fontana e gli alberi in piazza Grimoldi non vanno bene

Ma la fontana e gli alberi in piazza Grimoldi non vanno bene

La foto che vedete è stata scattata da un nostro lettore a Sant'Agostino. Si potrebbe definire una notizia conclusa in sé stessa, tanto è evidente che qualcosa non quadra nell'insieme di sacro e benzina. Però questa immagine arriva all'indomani di...

La foto che vedete è stata scattata da un nostro lettore a Sant'Agostino. Si potrebbe definire una notizia conclusa in sé stessa, tanto è evidente che qualcosa non quadra nell'insieme di sacro e benzina. Però questa immagine arriva all'indomani di questa notizia, con cui ieri abbiamo dato conto e consenso a due provvedimenti del Comune di Como che ha istituito il divieto di fermata davanti alla Casa del Fascio per evitare il muro di bus turistici davanti al capolavoro di Terragni e ha finalmente deciso di spostare il parcheggio moto dal mini-cannocchiale che da piazza Verdi porta l'occhio al Broletto.

piazza grimoldi renderEbbene, la riflessione verte sul ruolo - ed evidentemente sulla sensibilità architettonica - dei vertici della Curia comasca, che, come noto, si sono opposti strenuamente al progetto comunale di riqualificazione di piazza Grimoldi affermando che la fontana circolare davanti alla chiesa di San Giacomo e il filare alberato in continuità con il Broletto avrebbero leso irrimediabilmente il passaggio delle processioni religiose e in qualche modo avrebbe scalfito la sacralità stessa dell'area. Affermazioni poi fatte proprie dalla Soprintendenza, tanto da bloccare il progetto comunale e innescare la reazione della giunta che ha portato la questione davanti al Tar ritenendo le motivazioni curiali infondate e basate su un "eccesso di potere".

Oggi, a chiudere il cerchio e nello stesso tempo per tornare all'inizio, arriva la foto dell'incredibile parcheggio davanti alla chiesa di Sant'Agostino, per l'esatteza sul sagrato cintato. Proprietà privata e dunque legittimamente - se si vuole soprassedere su ogni questione estetico-architettonica - ridotta a posteggio. Ma vedere nelle auto sul sagrato una pagliuzza e una trave in una fontana e qualche albero, beh, è davvero un mistero celeste. O un'umanissima contraddizione.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Economia

Le 'gonne ruffiane' made in Como conquistano New York

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento