Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lungolago, autobus sulla darsena nonostante il divieto

Dopo il cedimento del ponte della darsena sul lungolago di Como, l'amministrazione comunale ha fatto installare i cartelli di divieto di transito per i mezzi pesanti più di 3,5 tonnellate. Un divieto deciso per tutelare la sicurezza e la stabilità...

Dopo il cedimento del ponte della darsena sul lungolago di Como, l'amministrazione comunale ha fatto installare i cartelli di divieto di transito per i mezzi pesanti più di 3,5 tonnellate. Un divieto deciso per tutelare la sicurezza e la stabilità del ponte. Peccato, però, che il divieto venga spesso infranto. E' bastato appostarsi qualche minuto, ed ecco tra autobus - assai più pesanti di 3,5 tonnellate - transitare contemporaneamente, come mostra il nostro video. Il mancato rispetto del divieto non è passato inosservato al consigliere comunale di opposizione, Alessandro Rapinese (Adesso Como) che da qualche mese ha intrapreso una vera e propria battaglia contro il sindaco Mario Lucini, al quale, più volte, ha rivolto in consiglio comunale l'accusa di essere, se non altro politicamente, responsabile prima del cedimento del muro di spalla della darsena, poi del mancato rispetto del divieto (Lucini ha la delega alla polizia locale).

Rapinese ha presentato venerdì mattina un'interrogazione rivolta al sindaco allegando anche le foto che testimoniano il passaggio di camion sul lungolago nonostante il divieto. Rapinese nelle premesse dell'interrogazione scrive "che un'amministrazione che non riesce a farsi rispettare sarebbe meglio andasse a casa" e chiede al sindaco "quale sia la ragione per la quale l'amministrazione della quale è a capo consenta la costante violazione del divieto di transito a tutela del punto più fragile della città di Como".

"Grazie a Lucini - ha commentato Rapinese - Como sta diventando Gotham City, dove ognuno fa quello che gli pare. La cura e la tutela del lungolago sono stati i punti cardine della sua campagna elettorale. Ma è capace solo di fare proclami e studi di prefattibilità. Intanto vengono messi a repentaglio la sicurezza, la tenuta della darsena e il bilancio comunale visto che serviranno soldi per sistemare il danno al ponte del quale, a mio avviso, ha in parte responsabilità il sindaco visto che è titolare della delega alla polizia locale che deve fare rispettare i divieti e le ordinanze viabilistiche".

Lucini, dal canto suo, ammette che "abbiamo effettivamente constatato che talvolta il divieto non viene rispettato. Per questo motivo ho chiesto alla polizia di intensificare i controlli quanto possibile, perché è rischioso non rispettare quel divieto". L'assessore ai Lavori pubblici, Daniela Gerosa, tiene a chiarire che "la situazione della darsena è comunque monitorata costantemente e ad oggi non sono stati segnalati ulteriori problemi o cedimenti".

Si parla di

Video popolari

Lungolago, autobus sulla darsena nonostante il divieto

QuiComo è in caricamento