Luciana, la comasca che aiuta (legalmente) i migranti ad andare in Svizzera

Luciana Carnevale è quasi tutti i giorni al parco della stazione San Giovanni di Como con un piccolo banco e una sedia. Lì, sotto l'ombra degli alberi, riceve tutti quei nuovi migranti appena arrivati a Como che desiderano andare in Svizzera...

 

Luciana Carnevale è quasi tutti i giorni al parco della stazione San Giovanni di Como con un piccolo banco e una sedia. Lì, sotto l'ombra degli alberi, riceve tutti quei nuovi migranti appena arrivati a Como che desiderano andare in Svizzera. Luciana in un inglese scolastico ma sufficiente per comprendersi con i giovani migranti, prende nota dei loro nomi, della loro età e della loro meta. In appositi moduli annota tutto, scrivendo anche se intendono richiedere asilo in Svizzera. La signora Luciana, infatti, sta operando per conto dell'associazione Como senza frontiere ma in realtà collabora anche con la deputata svizzera Lisa Bosia Mirra alla quale fa pervenire sistematicamente il "censimento" dei migranti diretti in Svizzera. "La parlamentare Bosia si occupa di verificare se sul suolo svizzero sono presenti i parenti di alcuni di questi migranti - ha spiegato Luciana Carnevale - in questo modo è possibile aiutare i ricongiungimenti oltre frontiera. Ce ne sono già stati alcuni".

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento