L'opera di Libeskind incendia l'Ordine degli architetti: Bollini al Collegio Disciplina

Forse - ma proprio forse - soltanto quando il monumento di Daniel Libeskind "Life Electric" sarà montato sulla diga da qualche mese, l'opera finirà di sollevare polveroni. Perché è notizia di oggi di un clamoroso scontro in seno all'Ordine degli...

Libeskind-Michele-Bollini

Forse - ma proprio forse - soltanto quando il monumento di Daniel Libeskind "Life Electric" sarà montato sulla diga da qualche mese, l'opera finirà di sollevare polveroni. Perché è notizia di oggi di un clamoroso scontro in seno all'Ordine degli architetti di Como, al cui centro è il professionista che più di tutti, sin dal primo minuto, è totalmente schierato a favore della realizzazione del monumento a dispetto dei fortissimi dubbi espressi nel settembre scorso da un documento ufficiale dell'Ordine stesso. Si tratta di Michele Bollini al quale è stata recapitato via raccomandata una convocazione dal Collegio di Disciplina degli architetti per una "presunta violazione dell norme di dentologia". In estrema sintesi, a Bollini vengono contestate teoriche frasi e affermazioni - diffuse anche via Facebook - che avrebbero in qualche modo denigrato o offeso il lavoro di un suo collega molto noto in città e decisamente meno entusiasta dell'arrivo sulla diga di "Life Electric" (riserviamo di fare il nome in attesa di conferme ufficiali, ndr).

E' stato lo stesso Bollini a dare comunicazione del procedimento avviato nei suoi confronti e a specificare che tutto - come riporta anche la lettera di convocazione - è "in relazione al cosiddetto progetto "Life Electric" dell'architetto Daniel Libeskind" anche a causa di espressioni usate sul "cosiddetto social network". La seduta della Commissione disciplinare è fissata per il prossimo 19 maggio e Bollini è invitato a presentarsi, volendo, anche con il proprio legale e con documentazione a difesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Katia Ricciarelli: "Il mio compleanno in solitudine sul lago di Como"

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • In centro Como è aperto solo Alberto: "Forse gli altri non stanno così male"

Torna su
QuiComo è in caricamento