Cronaca

Libeskind, scende in campo Droulers: "Pronto a pagare di tasca mia"

“Ho dato la mia disponibilità ad Amici di Como: dovessero nascere necessità darò il mio contributo economico personale al progetto The Life Electric”. Jean Marc Droulers, ex Ceo di Villa d’Este ed ex presidente di Villa Erba, scende in campo per...

monumento-libeskind-rendering

"Ho dato la mia disponibilità ad Amici di Como: dovessero nascere necessità darò il mio contributo economico personale al progetto The Life Electric". Jean Marc Droulers, ex Ceo di Villa d'Este ed ex presidente di Villa Erba, scende in campo per il progetto che l'associazione e Daniel Libeskind doneranno a Como per Expo 2015. La notizia è circolata in queste ore e trova piena conferma nelle parole dell'interessato.

Nei giorni in cui il dibattito si fa feroce tra sostenitori e contrari, e su tutto pesa la questione dell'Iva relativa alle opera, circa 100mila euro al momento in carico al Comune, Droulers vuole impegnarsi personalmente e di tasca propria perché, contattato da Quicomo, spiega "bisogna dare il buon esempio e far recepire i segnali di cambiamento, non bastano solo le critiche". The Life Electric, secondo il guru dell'hotellerie internazionale, "è un passo avanti culturale per la città, un doveroso omaggio a Alessandro Volta, figlio più illustre di Como che con la pila ha rivoluzionato il mondo".

Droulers non vuole entrare nelle notizie di stretta cronaca tra politica, cantieri, sponsor e Iva. "Sto lontano dalle questioni da Azzeccagarbugli - conclude - io voglio solo dare una mano in vista di Expo perché l'opera venga inaugurata in tempo e senza problemi". Ma coprirebbe anche i 100mila euro dell'Imposta? "Non ho dato minimi o massimi, se necessario Amici di Como mi contatterà e mi spiegherà cosa serve".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Libeskind, scende in campo Droulers: "Pronto a pagare di tasca mia"

QuiComo è in caricamento