Il Psi: "Grandi temi paralizzati, cittadini smarriti: serve la verifica sulla giunta di Como"

Al termine della settimana di fuoco per il centrosinistra di Como, il segretario provinciale del Partito Socialista, Paolo Grassi, ha inviato una lettera a tutti i segretari politici dei partiti alleati per avviare una verifica vera e propria...

L'attacco al cuore di mezzo Pd e della giunta: così i Lariopoldi preparano la battaglia di Como

Al termine della settimana di fuoco per il centrosinistra di Como, il segretario provinciale del Partito Socialista, Paolo Grassi, ha inviato una lettera a tutti i segretari politici dei partiti alleati per avviare una verifica vera e propria sullo stato di salute di giunta e maggioranza comunali. Una mossa che il segretario provinciale del Pd, Angelo Orsenigo, ha affermato di aver colto "un po' di sorpresa, pur non avendo alcun problema a valutare un incontro quando sarà possibile farlo". Ad ogni modo, il testo della nota socialista non contiene soltanto l'invito al confronto ma sottolinea ancora una volta il momento di grave difficoltà per l'amministrazione Lucini. Alleghiamo il testo integrale di seguito.

Cari Amici e Compagni, dobbiamo prendere atto con realismo che l’azione politica amministrativa della Giunta Comunale, a cui abbiamo affidato il governo della nostra città, sembra procedere con eccessiva esitazione nel dare attuazione a quel programma di cambiamento che abbiamo condiviso fin dalle primarie. Pur riconoscendo l’enorme bagaglio di problemi lasciati insoluti dalla giunta Bruni e le conseguenti difficoltà incontrate, ci sembra di percepire fra i cittadini un certo smarrimento rispetto alle aspettative che avevano riposto in questa Amministrazione, sia per la mancata risoluzione di annosi problemi che affliggono la città, sia per un'inadeguatezza e improvvisazione nel proporre, e poi realizzare interventi anche semplici. ticosa-22apr15A questo si aggiunga la difficoltà di informare con chiarezza sulle reali problematiche sia tecniche sia burocratiche che rallentano l’iter per la risoluzione degli annosi casi simbolo, Ticosa e paratie, determinando una paralisi nell'assumere forti e coraggiose decisioni: una paralisi che risulta incomprensibile al comune cittadino e che ne accresce di conseguenza l'insofferenza nei confronti di chi ė stato chiamato ad amministrare la città e, più in generale della classe politica. palazzo-cernezzi-2Premesso questo, pur riconoscendo gli enormi sforzi e i provvedimenti assunti per cambiare sia la macchina amministrativa sia l’uso disinvolto del territorio, come forze politiche dobbiamo ragionare e confrontarci su quello che è stato fatto e soprattutto su quello che possiamo fare prima della scadenza del mandato elettorale. E’ indispensabile cercare di ridare fiducia, compattezza, unità d’intenti all’intera maggioranza anche attraverso la predisposizione di un programma di interventi che facciano sentire ai cittadini sia del centro sia della periferia la presenza e la vicinanza dell’amministrazione alle necessità di tutti i giorni. Per questo riteniamo necessario un incontro in tempi brevi fra le forze politiche che hanno sostenuto fin dall’inizio questa esperienza di governo, per dimostrare con i fatti di essere noi tutti artefici di quel cambiamento di cui la città ha un improrogabile bisogno. Proponiamo pertanto di incontrarci venerdì 29 Aprile alle ore 18.00 a Albate, presso la sala Villa dell’Unione Circoli Cooperativi. Fraterni saluti Como 23 Aprile 2016 Paolo Grassi - Segretario Provinciale PSI Como

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Parla Sarah la (ex) fidanzata comasca di Genovese: "Non faccio più uso di droghe"

Torna su
QuiComo è in caricamento