Lega-Confesercenti al Mercato Coperto: "Un tesoro lasciato al degrado dal Comune"

  Sopralluogo Lega Nord-Confesercenti, questa mattina, al Mercato Coperto di Como. Il segretario cittadino del Carroccio, Alessandra Locatelli, e il direttore dell'associazione, Angelo Basilico, hanno "perlustrato" la struttura a lungo e il...

mercato-coperto-26mag16-1

mercato-coperto-26mag16-10Sopralluogo Lega Nord-Confesercenti, questa mattina, al Mercato Coperto di Como. Il segretario cittadino del Carroccio, Alessandra Locatelli, e il direttore dell'associazione, Angelo Basilico, hanno "perlustrato" la struttura a lungo e il risultato finale - ai loro occhi - è parso piuttosto sconfortante (tanto che per il 3 giugno prossimo è previsto un bis, assieme agli amministratori leghisti).

“Questa mattina ho avuto modo di constatare con i miei occhi lo stato di degrado e trascuratezza in cui versa quello che, un tempo, era il principale punto di scambio e commercio della città - ha affermato Locatelli alla fine del giro - Le persone che ho incontrato al mercato mi hanno raccontato le loro storie di lavoro quotidiano. Talvolta si tratta di persone che da moltissimi anni, con dedizione e costanza, gestiscono un banco che si tramanda da generazioni. Storie di vita vera che hanno come cornice uno spazio dimenticato, con sotterranei che si allagano alle prime piogge a causa della mancanza di interventi di ordinaria pulizia dei muri, dei soffitti e delle vetrate”.

“Ho potuto notare - prosegue - la buona volontà e i buoni propositi di chi vive il proprio lavoro con passione, ma si vede sfuggire di mano tutto ciò che ha costruito con tanti sacrifici a causa di una cattiva burocrazia. Vicino agli splendidi banchi ben curati di frutta, verdura, carni, pesci, formaggi, si notano altri banchi chiusi, abbandonati: dovrebbero essere rimossi, ma il Comune non vuole. Questo stesso Comune che è carente anche in fatto di comunicazione e coordinazione delle attività. Nei giorni scorsi, ad esempio, una comitiva di 90 studenti è andata in visita al Mercato Coperto, ma l'amministrazione si è dimenticata di avvertire i commercianti e le associazioni in modo da accompagnarli all’interno del mercato e rendere interessante questa iniziativa. Hanno preferito tacere”.

manifesto-mercato-15set15-7“Questa inerzia da parte del Comune di Como - concluse Locatelli - sta lentamente distruggendo il patrimonio della nostra città. E’ necessario che Palazzo Cernezzi fornisca risposte concrete e intraprenda nuove strade per riportare il mercato ad essere un luogo frequentato e valorizzato.E’ necessario rivedere i regolamenti per una corretta convivenza e inoltre apportare modifiche che assicurino maggior sicurezza e rispetto degli spazi, visto i frequenti fenomeni di accattonaggio, furti e atti di irruzione che si verificano. Si rendono infine necessari interventi di profonda ristrutturazione dello stabile, e non solo “di un imbiancata della facciata” come vorrebbe fare l’amministrazione per placare il malcontento generale". Il riferimento dell'ultimo passaggio è per un intervento di circa 210mila euro complessivi che riguarderà a giorni proprio le facciate del Mercato Coperto grazie al cofinanziamento al 50% ottenuto dal Distretto Urbano del Commercio (Duc) qualche settimana fa. Oltre agli interventi esterni, previste anche migliorie a segnaletica e comunicazione all'interno dei padiglioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Como, cosa aspettarsi dal nuovo Dpcm del 16 gennaio: spostamenti, coprifuoco, ristoranti e palestre

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Parla Sarah la (ex) fidanzata comasca di Genovese: "Non faccio più uso di droghe"

Torna su
QuiComo è in caricamento