Mercoledì, 28 Luglio 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le teste di cuoio per arrestare i rapinatori del benzinaio di Novazzano

Sono intervenute le cosiddette teste di cuoio per arrestare i rapinatori che hanno colpito il distributore di benzina di via Casati a Novazzano in Ticino lo scorso lunedì pomeriggio. Nella conferenza convocata a Chiasso nel Centro di...

Sono intervenute le cosiddette teste di cuoio per arrestare i rapinatori che hanno colpito il distributore di benzina di via Casati a Novazzano in Ticino lo scorso lunedì pomeriggio.

Nella conferenza convocata a Chiasso nel Centro di cooperazione di polizia e doganale le forze dell'ordine italiane ed elvetiche hanno illustrato i dettagli dell'operazione che ha visto la fondamentale collaborazione, a livello di indagini, da parte dei carabinieri del nucleo operativo di Como. L'operazione è stata presentata come un successo poiché ha permesso nel giro di poche ore di individuare i sospettati e di fermare in tutto 6 persone. Grazie alla collaborazione a livello di indagini dei carabinieri del capoluogo lariano le forze dell'ordine elvetiche hanno individuato l'appartamento dove si nascondevano due rapinatori. In u n primo momento sono state fermate due persone fuori dall'edificio, anch'esse sospettate di far parte della banda criminale. Poi i raparti operativi (le cosiddette teste di cuoio) sono intervenute per arrestare i due uomini che erano asserragliati nell'appartamento del palazzo a Pizzamiglio. La particolare cautela e le particolari misure di sicurezza adottate nell'operazione erano dettate, ovviamente, dal timore che i sospetatti fossero armati. Infatti la rapina è stata compiuta proprio con un arma utilizzata per minacciare il benzinaio.

Dopo i primi quattro arresti le indagini hanno condotto anche a un ragazzo minorenne e a una donna. Anche loro sono stati arrestati. Nella rapina sono stati portati via circa 10mila euro. L'intera refurtiva è stata recuperata. Gli arrestati sono un 40enne cittadino italiano residente in provincia di Como, di due cittadini italiani di 34 e 38 anni residenti a Morbio Superiore, di un 44enne cittadino italiano, di un minorenne svizzero e di una 37enne cittadina svizzera residenti a Vacallo.
Si parla di

Video popolari

Le teste di cuoio per arrestare i rapinatori del benzinaio di Novazzano

QuiComo è in caricamento