rotate-mobile
Cronaca

Ambulanti, ristoratori ed estetisti: 14 lavoratori in nero a Como e provincia

L'esito dei controlli della guardia di finanza nei giorni scorsi

Sono 16 i lavoratori in nero scoperti dalla guardia di finanza durante i controlli eseguiti a sorpresa in alcune attività commerciali del Comasco. In particolare, i finanzieri del gruppo di Como hanno sottoposto a controllo quattro ambulanti che avevano la loro attività commerciale tra i comuni di Como e Cernobbio. Nel corso delle ispezioni sono stati riscontrati sette lavoratori in “nero” di nazionalità italiana,

Altri sette lavoratori (5 italiani e 2 egiziani) sono stati scoperti durante le ispezioni eseguite presso attività di ristorazione. I controlli sono continuati in collaborazione con i militari della compagnia di Olgiate Comasco anche nel resto della provincia. In particolare, nei comuni di Olgiate Comasco e Villa Guardia in un salone di bellezza e in un’attività di ristorazione, sono stati rilevati e sanzionati rispettivamente l’impiego in “nero” di una lavoratrice di nazionalità cinese e di una lavoratrice di nazionalità italiana.

Per tutti gli esercizi commerciali è stato richiesto, al competente Ispettorato Territoriale del Lavoro di Como, un provvedimento di sospensione dell’attività poiché è stato riscontrato che più del 10 per cento dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro risultava occupato, al momento dell’accesso ispettivo, senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro. Il provvedimento sospensivo sarà revocato quando il datore di lavoro avrà provveduto a sanare la posizione dei lavoratori trovati intenti a prestare la loro opera in nero con l’assunzione degli stessi e a pagare le sanzioni previste dalla normativa vigente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambulanti, ristoratori ed estetisti: 14 lavoratori in nero a Como e provincia

QuiComo è in caricamento