rotate-mobile
Cronaca

Lavoratori in nero: altri casi nell'Erbese e nel Comasco. Uno percepiva il reddito di cittadinanza

I controlli a Tremezzina, Alserio e Erba: sospese le tre attività. I lavoratori in nero superavano la soglia del 10%

Le Fiamme Gialle lariane, nei giorni scorsi, hanno scoperto altri 4 lavoratori in “nero”.
I Finanzieri della Compagnia di Menaggio hanno sorpreso, nel corso di un controllo presso un rifugio del Centro Lago, in località Tremezzina, un dipendente in “nero” di nazionalità italiana trovato intento a prestare la sua opera.

Anche i Finanzieri della Compagnia di Erba, nella zona della Brianza, hanno scoperto 3 lavoratori in “nero” di nazionalità italiana. Due di questi sono stati trovati intenti a lavorare in un ristorante/pizzeria nel Comune di Alserio (CO). Approfonditi i controlli, uno dei due lavoratori in “nero” scoperti è risultato che percepiva anche il reddito di cittadinanza. Il terzo lavoratore in nero, invece, è stato individuato in un pub ad Erba (CO) dove l’accesso per il controllo è avvenuto insiene ai Funzionari dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Como-Lecco.

Dopo questi controlli, è stata disposta, dallo stesso Ispettorato Territoriale del Lavoro, nei confronti dei tre esercizi commerciali, anche la sospensione dell’attività. Questo perchè nel giorno dell’intervento, i lavoratori in nero superavano la soglia del 10% della totalità dei lavoratori impiegati.

Nel corso dei controlli, sono stati inoltre verificati i green pass, resi obbligatori, a partire dallo scorso 6 agosto, per poter usufruire di taluni servizi all’interno di attività commerciali, quali bar, ristoranti e pub al chiuso.

L’attività esperita dalle Fiamme Gialle s’inquadra, in particolare, in due dei principali obiettivi perseguiti dal Corpo: da un lato arginare la diffusione dell’illegalità e dell’abusivismo nel sistema economico, a tutela delle imprese e dei professionisti che operano nella piena e completa osservanza della legge, dall’altro tutelare proprio la parte più debole in un rapporto di lavoro, ovvero i lavoratori. Questi ultimi, infatti, lavorando in “nero” o in maniera irregolare, non vedono riconosciuta alcuna copertura previdenziale e assicurativa, con gravissime conseguenze sia sulle legittime aspettative di maturazione dei requisiti pensionistici, sia sulle garanzie in tema di infortuni sul lavoro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori in nero: altri casi nell'Erbese e nel Comasco. Uno percepiva il reddito di cittadinanza

QuiComo è in caricamento