Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

L'addio a Sapere sabato a Prestino. Le parole di Lucini, lo struggente ricordo di Luigino Nessi

In queste ore - in attesa dei funerali fissati per sabato alle 10.30 nella chiesa di Prestino - sono state tantissime le persone e le autorità che hanno ricordato la figura di Vincenzo Sapere, scomparso questa mattina dopo una breve malattia. E...

Proposte e dichiarazione di lealtà: il "re della foresta" Sapere dà una lezione di politica

In queste ore - in attesa dei funerali fissati per sabato alle 10.30 nella chiesa di Prestino - sono state tantissime le persone e le autorità che hanno ricordato la figura di Vincenzo Sapere, scomparso questa mattina dopo una breve malattia. E mentre si affaccia la possibilità che al consigliere comunale venga dedicato uno spazio pubblico - una possibilità è il centro anziani di Prestino - anche il sindaco Mario Lucini ha voluto dedicargli un pensiero: "Una perdita dolorosa per tutti noi. Era una persona appassionata di politica, che ha dato tanto alla città nel corso dei suoi lunghi anni di impegno come consigliere e assessore".

"Lo ricordiamo come una persona molto buona e generosa - commenta il presidente del consiglio comunale, Stefano Legnani - Ha sempre difeso l'interesse della città con animo e cuore battagliero. Il Consiglio lo ricorderà doverosamente nel corso della prossima seduta". Inevitabilmente, però, struggente è il ricordo di Lugino Nessi, che ha affidato a uno scritto l'ultima carezza all'amico e compagno di avventura politica. Lo pubblichiamo integralmente.

vincenzo-sapere"Credetemi, scrivo queste note con la morte nel cuore. Vincenzo Sapere lo consideravo un fratello maggiore; a lui ho chiesto e mi ha dato molti consigli; sono contento di aver condiviso scelte e opinioni; tante volte mi sentivo imbarazzato a considerarmi suo capogruppo, in questa tornata amministrativa. Io capogruppo di un "grande " e esperto politico come lui? Davanti ad un caffè a casa sua, con il suo gatto che gli saltava sempre addosso, tradizionale appuntamento bisettimanale, mi raccontava del suo arrivo a Como, del suo lavoro in Posta, del suo impegno sindacale e politico. Socialista. Socialista, mentre io invece, mi sono sempre considerato "orfano" di Berlinguer. E lui chiariva di essere un socialista di quelli giusti, di quelli del popolo. E allora i nostri ideali si avvicinavano.

Mi raccontava anche della sua vita difficile della scomparsa della moglie, della figlia, poi recentemente di un fratello, prove di vita, durissime e i suoi occhi si riempivano di lacrime.

Mi raccontava di Taranto, la sua città, con il centro siderurgico, del pugilato, sport che ha praticato, come ogni tanto ricordava minaccioso anche in Consiglio Comunale, a quelli che lo facevano arrabbiare. Un'arrabbiatura che però dimenticava subito.

«Se non la smetti, ti do un cazzotto...», ma pochi minuti dopo, erano insieme a bere un caffè.

Una persona, Vincenzo, piena di umanità. Il suo cruccio: trovare posti di lavoro, cercare di favorire persone e il loro inserimento nella società, trovare un tetto, una casa, per tutti.

Il suo ring erano le relazioni con le persone, la gente, specie quella più umile... Era molto amato da tutti, compagni , amici ed "avversari", dico avversari tra virgolette per dire quelli che non la pensavano come lui, ma che lo amavano. E questo è stato evidente in questo lungo e veloce tempo della sua sofferenza. Ho ricevuto moltissime telefonate: come sta Vincenzo?

Vincenzo, vecchio leone. Penso che molti non dimenticheranno il suo ultimo intervento in Consiglio, quello sul bilancio 2015 a luglio, pieno di passione e di proposte politiche. Fu allora, che io lo chiamai leone. Era sempre al passo con la realtà, cercando sempre di dialogare per una soluzione per il bene comune. Lo definirei un maestro di "democrazia della concretezza".

Alla città ha dato molto: tante idee, tante proposte politiche, tanto tempo della sua vita.

È stato assessore in quel breve e felice periodo della giunta Pigni; poi autorevole consigliere. A parere di tanti avrebbe meritato una presidenza di Commissione o la Presidenza del Consiglio; non è stato così.

Merita comunque - e questo penso sia ed è la cosa più importante - il nostro ricordo e quello di tante e tante e tante persone.

Ciao Vincenzo; aiuterai da lassù noi e la tua Como. Aiuterai da lassù insieme a Ermanno Pizzotti anche noi di Paco-Sel. Ne abbiamo bisogno.

Luigi Nessi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'addio a Sapere sabato a Prestino. Le parole di Lucini, lo struggente ricordo di Luigino Nessi

QuiComo è in caricamento