Cronaca

La mappa dei profughi sul Lario, comune per comune. La Lega: "Sono 700, basta"

La Lega Nord di Como ha realizzato una sorta di censimento (naturalmente ufficioso) delle presenze dei profughi in provincia di Como. Ne risulta - al 31 luglio scorso - che sul Lario sarebbero 700 le persone ospitate (definite "clandestini" tout...

La Lega Nord di Como ha realizzato una sorta di censimento (naturalmente ufficioso) delle presenze dei profughi in provincia di Como. Ne risulta - al 31 luglio scorso - che sul Lario sarebbero 700 le persone ospitate (definite "clandestini" tout court dal Carroccio), con il capoluogo a fare la parte del leone in termini numerici. "Il dipartimento sicurezza e immigrazione della provincia di Como, in accordo con il segretario provinciale Angelo Sala e il deputato leghista Nicola Molteni - si legge nella nota che accompagna i numeri - ha elaborato una mappa degli immigrati presenti nella nostra provincia. Si è riscontrato un numero di circa 700 clandestini accolti da Caritas, Acli, Croce Rossa, amministrazioni comunali di sinistra (in reltà non solo di sinistra, ad esempio Erba ndr), varie cooperative sociali, se così si possono definire, che fregandosene dei nostri concittadini in difficoltà, preferiscono arricchire le proprie casse (il riferimento è ai 35 euro circa che Stato ed Europa versano come contributo medio quotidiano per profugo, ndr), continuando ad alimentare il fenomeno dell'immigrazione clandestina".

immigrati-prestino"La provincia di Como è ormai satura - prosegue il comunicato del responsabile del Dipartimento sicurezza e immigrazione della Lega, Roberto Moscatelli - Non c'è più posto per nessun immigrato, in un periodo di forte difficoltà economica come questo ci aspettiamo da governo ed istituzioni una risposta verso i tanti italiani in difficoltà, verso le persone che hanno sempre pagato le tasse e che ora vengono considerati cittadini di serie B. Questo è razzismo al contrario, e noi, ancora una volta ci schieriamo dalla parte della nostra gente. I dati che abbiamo raccolto sono allarmanti e purtroppo grazie a questo governo temiamo che siano destinati ad aumentare, siamo pronti nuovamente a scendere in piazza e fare sentire la nostra voce. I comaschi meritano rispetto". Sullo stesso tenore le dichiarazioni di Mirko Pontrelli, responsabile della questione a Como: "La città è invasa sempre più da clandestini con la complicità del sindaco Lucini e la sua giunta. Como è sempre più a rischio sicurezza e tenuta sociale. Anche nella nostra città si compie quello che avviene a livello nazionale".

Di seguito, la mappa delle presenze elaborata dalla Lega comasca.

SITUAZIONE CLANDESTINI PROVINCIA DI COMO:

700 al 31/07 Canturino:

- 6 a Cantù CroceRossa-Caritas-parrocchia S.Paolo

- 5 a Cucciago Cooperativa sociale I Girasoli

- 18 a Mariano Comense Tantum Aurora

Erbese:

- 8 a Lurago d'Erba cooperativa sociale I Girasoli

- 50 circa ad Erba tra hotel e appartamenti comunali

- 15 a Sormano Olgiatese:

- 20 a Cavallasca Intesa Sociale

- 9 a San Fermo della Battaglia

- 28 a Rodero

- 18 a Lurate Caccivio Intesa Sociale

- 8 a Olgiate Comasco

- 9 a VillaGuardia Intesa Sociale

- 4 a Binago

- 9 a Cagno

- 30 a Lomazzo tra Caritas e Acli

Como:

- 70 al centro di acc. di Prestino

- 70 al centro di acc. di Tavernola

- 70 a Rebbio dai Padri Comboniani

- 60 in Via Borgovico, ex caserme

- 23 a Como in Via Sirtori

- 60 a Como al Don Guanella

- 40 al centro di acc. Suore Vincenziane

- 40 alla casa di acc. Luigi Palma

Lago:

- 30 a Lenno Abbazia Acquafredda

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mappa dei profughi sul Lario, comune per comune. La Lega: "Sono 700, basta"

QuiComo è in caricamento